”Ma che fa?”. Ospite al TgSky24 per parlare delle morti celebri del 2016, Toto Cutugno sorprende conduttore e telespettatori così. ”Scusate”, ha detto il cantante in diretta lasciando tutti senza parole


 

Ha sorpreso tutti, telespettatori e conduttore dell’edizione del 25 dicembre del TgSky24. Toto Cutugno, cantante e interprete della famosa canzone ”L’italiano” (incisa 1983 e presentata nella 33ª edizione del festival della canzone italiana di Sanremo) in diretta su SkyTg24, stava parlando dell’anno orribile del mondo della musica quando si è lasciato andare a un gesto (il più comune gesto scaramantico tipico degli uomini) che ha messo in imbarazzo il giornalista. Una ”toccatina” doppiamente scaramantica visto che il cantante si sarebbe dovuto esibire in Siria insieme al Coro dell’Armata Rossa. Il cantante, spesso, si è esibito con il coro, i cui componenti sono morti nella tragedia aerea di Natale. E anche per il concerto che si sarebbe dovuto tenere in Siria era stato contattato, ma aveva rinunciato perché aveva un altro impegno. “Sono sconvolto da questa tragedia, – aveva commentato il cantante su Facebook – anche perché un mese fa hanno contattato il mio manager per invitarmi in Siria ed esibirmi nello stesso spettacolo, proprio il 29 dicembre. Probabilmente saremmo dovuti andare a Mosca e partire da lì, avevamo già un altro impegno in calendario e abbiamo dovuto rinunciare. Il destino forse ha voluto così”.  (Continua a leggere dopo la foto)



“Ho tanti ricordi – spiegava qualche giorno fa il cantante – con il coro dell’esercito russo, il più bello risale a quando li ho invitati al Festival di Sanremo nel 2013, in occasione del Premio alla carriera, erano felici di cantare con me. Avevamo altri progetti insieme, cantavano ‘L’Italiano’ in un modo pazzesco, a Sanremo già durante le prove la loro esecuzione era perfetta, non una virgola fuori posto. Esprimo – conclude Cutugno – le mie condoglianze alle loro famiglie, erano delle persone stupende”.

(Continua a leggere dopo la foto)


 

Quello inabissatosi al largo di Sochi è l’Alexandrov. Fondato nel 1928 da Alexander Vasilyevich Alexandrov, l’autore dell’inno nazionale sovietico e attuale inno russo, l’Alexandrov è il coro del Ministero della Difesa. L’MVD, fondato nel 1939 è il coro del Ministero degli Interni. Il primo si esibì con Roger Waters a Berlino nello storico concertone di The Wall , e con Cutugno a Sanremo. Il secondo ha cantato con Celine Dion e davanti a Giovanni Paolo II. L’ultimo tour italiano dell’MVD risale allo scorso novembre.

”George Michael? Di quelli morti quest’anno era quello che valeva meno”. Sì, l’ha detto davvero e, inutile aggiungerlo, sui social è subito esplosa la polemica. Ecco chi è l’autore, ora finito nella bufera, di questa frase pesantissima