Luca Argentero, per lui una bella notizia. Una gioia doppia perché non succede così di frequente


Un record dopo l’altro per Luca Argentero, protagonista su Rai 1 della fiction Doc – Nelle tue mani. A Parlare sono in numeri: nell’ultima puntata gli ascolti si sono fermati a un passo dal 30% di share e 8 milioni di telespettatori. Un boom che spiega Maurizio Costanzo
Il marito di Maria De Filippi, più vicino e orbitante all’universo Mediaset, è sempre stato una persona imparziale ed equidistante. Per questo, dalle colonne di Libero Quotidiano, non ha avuto problemi a spezzare delle lance a favore del prodotto Rai, spiegando anche i motivi del successo.

Un avvenimento comunque strano visto che, negli ultimi tempi, Maurizio Costanzo non è stato tenere con nessuno. Costanzo che ha lanciato l’idea di ritrasmettere i vecchi sceneggiati, per allietare il pubblico in modo diverso in questo periodo di reclusione forzata a causa del coronavirus. Continua dopo la foto








“Per intenderci – spiega – quelli interpretati da Alberto Lupo, da una giovanissima Loretta Goggi e da tanti altri ancora… Insomma, lo sceneggiato aiuta a distrarsi. Non a caso Doc – Nelle tue mani, interpretato da Luca Argentero, ha raggiunto sette milioni di persone alla prima uscita. Bisogna distrarsi ed entrare in un’altra storia e questo lo sceneggiato lo sa fare”. Continua dopo la foto






Il marito di Maria De Filippi propone quindi la fiction come evasione, come diversivo per sfuggire per qualche ora alla drammaticità quotidiana di questo periodo. Se lo si sfama da due decenni con reality e talk, cambiare rotta repentinamente potrebbe essere un problema. Anzi lo è. Ed è ancor più un problema il fatto che i reality show sono sul viale del tramonto. Il canto del cigno si avvicina. Continua dopo la foto



 

Visualizza questo post su Instagram

 

Nuova settimana, nuovo appuntamento con #DOCNelleTueMani. Giovedì la seconda serata, su @rai1official 🤗

Un post condiviso da DOC – Nelle Tue Mani (@docnelletuemani) in data:

 


Questa fiction è tratta da una storia vera, raccontata nel libro “Meno dodici” di Pierdante Piccioni e Pierangelo Sapegno (Edizioni Mondadori) e narra di come Fanti, a causa di un trauma cerebrale, abbia perso la memoria dei suoi ultimi dodici anni. Amputato di molti dei suoi ricordi, precipita in un mondo sconosciuto: famiglia, figli, amici, colleghi, tutti diventano improvvisamente estranei. Anche la sua carriera torna indietro: da primario a meno di uno specializzando. A vestire i panni di Andrea Fanti è Luca Argentero, affiancato da Matilde Gioli, in quelli della collega Giulia Giordano.

Ti potrebbe interessare: “Cambia tutto”. WhatsApp cancella proprio la funzione più utilizzata nelle chat

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it