“Ecco come vivo”. Giudice in uno dei cooking show più amati, in televisione è sempre felice e sorridente. Eppure, dietro quel sorriso nasconde un dramma. “Sono malato, ho perso venti chili”


 

Il suo è un volto molto conosciuto. Antonio Lamberto Martino è panificatore, ma soprattutto il grande pubblico lo conosce come giudice della trasmissione televisiva Bake Off Italia. All’apparenza una persona serena, in un programma di successo. Eppure nasconde un dramma personale che ha deciso solo oggi di raccontare al mensile Ok salute e benessere. Soffre del Morbo di Crohn. La patologia gli è stata diagnosticata all’età di 28 anni, oggi ne ha 36 anni. All’epoca, Martino ha cominciato ad avere forti perdite di peso, addirittura venti chili in meno e disturbi intestinali. Per questo ha dovuto subito iniziare alcune cure a base di cortisone e soprattutto, cambiare il suo stile di vita, oltre alle abitudini alimentari. Secondo Martino, l’ambiente industriale toscano in cui era immerso, molto diverso dalle cucine e dai panifici di Capo D’Orlando, in Sicilia, in cui era cresciuto, ha in qualche modo avuto riflessi negativi sulla sua salute. (Continua a leggere dopo la foto)








 

“Ho lasciato le vie industriali di Siena – racconta al mensile – e mi sono rifugiato nelle Crete senesi, dove ancora oggi lavoro e coltivo grani di antiche varietà. In mezzo alla natura ho ripreso in mano le redini della mia vita, il che per me ha significato soprattutto tornare ad alimentarmi in modo sano”. Sono lontani momenti particolarmente bui. “Durante il mio periodo negativo ero come un automa, mangiavo senza fare davvero caso a ciò che compravo e ingerivo”. Alla cura farmacologica ha anche abbinato un un regime nutrizionistico apposito, solo buona alimentazione, che oggi gli consente di convivere con la malattia. (Continua a leggere dopo le foto)






 



 

 

Sa cosa per lui va bene e cosa no. “A farmi bene sono soprattutto i batteri lattici – spiega il giudice di Bake Off – mangio frutta matura e di stagione, verdura cotta al vapore e carboidrati a basso tenore di glutine”. Un regime alimentare che lo aiuta tutti i giorni a tenere sotto controllo la sua malattia.

Cucine da incubo, ecco che succede a versare salsa di soia sul calamaro (morto)…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it