“Hai rosicato!”. GF Vip, scontro epico tra Sossio Aruta e Antonio Zequila. E Signorini getta benzina sul fuoco


È successo un po’ di tutto ieri sera al GF Vip. Ad esempio c’è stato il confronto (finale?) tra Sossio e Zequila. I due sono ai ferri corti al Gf Vip dopo che è scoppiata la lite tra Antonella e Fernanda, ma probabilmente la tensione fra i due è cresciuta nel corso delle settimane. Antonio non ha digerito il fatto che Sossio sia il primo finalista del Gf Vip 4, mentre Sossio si era probabilmente stancato di essere deriso e preso in giro da Zequila. Stasera i due si sono confrontati su tutto e chissà che non siano riusciti così ad appianare le divergenze, dicendo uno all’altro cosa non hanno gradito. Alfonso ha dato subito la parola a Sossio.

Signorini così ha detto ciò che pensava: “Innanzitutto pensavo in questa esperienza di portare a casa un amico in più. E premetto che Antonio lo consideravo un amico, sapete che c’è questo duello divertente. C’è un confessionale dove ho detto che più volte ha sempre cercato di sminuirmi con la sua cultura, l’intelligenza e l’italiano”. Poi ancora ha proseguito: “Non voglio esagerare, ma è anche bullismo perché se a uno tutti i giorni gli fai pensare che è ignorante, è burino. Sossio all’inizio ci scherza, poi reagisce come ieri sera. Io sono esploso perché ho subito, ho ingoiato”. (Continua a leggere dopo la foto)







Antonio ha provato a difendersi dicendo che non era come stava dicendo Sossio, ma Signorini gli ha fatto notare che spesso ama mettersi in cattedra. Antonio ha risposto così: “Io non ho mai proferito parola offensiva nei suoi riguardi. Abbiamo iniziato un discorso di gioco che è stato portato avanti da Patrick e Denver, giocavano sul ruolo del leader. Io sono un concorrente come tutti gli altri”. Sossio ha ricordato all’altro concorrente che gli ha detto di parlare in italiano, ma pare che Zequila intendesse altro: “Volevo dire modera i termini”. A questo punto Sossio si è infuriato: “Non è una parolaccia, parlo a modo mio. Ma poi proprio tu? Proprio tu parli, che ti conoscono tutti in televisione quello che hai fatto?”. (Continua a leggere dopo la foto)






Zequila ha tirato in ballo il fatto che Sossio indossa spesso il costume da bagno, e Sossio ancora una volta ha tuonato: “Meglio slippino che Er Mutanda”. Sara si è messa in messo dicendo che Zequila ne ha dette di tutti i colori alle spalle di Sossio, ma anche stavolta Antonio si è elevato a difensore di qualcuno. Paola è stata chiamata in causa: “Ha molta più dignità una persona che non ha una corretta padronanza della lingua italiana piuttosto che uno indossa una giacca e non ha un bel comportamento. Se hai la memoria corta è un problema tuo. Fabio Testi? Ma neanche lontanamente, ma neanche l’ombra, neanche l’unghia dei piedi”. Anche Patrick ha detto la sua: “Ho cercato di chiacchierare con Antonio per fargli capire che sminuire continuamente una persona… ma lui non vuole sentire”. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Poi il padrone di casa ha mostrato una nuova clip, in cui Zequila si è mostrato sorpreso vedendo Sossio finalista e ha detto che non lo meritava, addirittura lo ha ritenuto offensivo verso altri concorrenti. Magari verso sé stesso, chissà. Signorini gli ha chiesto: “Ritieni che non sia giusto che un uomo come Sossio possa essere già in finale o rosichi perché vorresti essere al suo posto? Sincero”. Il concorrente ha risposto: “Non mi permetterei mai di giudicare l’uomo, sono educato e corretto. Non mi è piaciuto il meccanismo, c’è gente che era in casa da due mesi”. Alla fine ha ammesso di voler raggiungere la finale. Pupo ha chiesto la parola: “Quella è una livella. Lì si azzerano le gerarchie. Fabio Testi che avrebbe dovuto dire? Le dinamiche sono altre. Bisogna accettarlo”. La risposta di Zequila? Ha chiesto di recitare la poesia ‘A livella di Totò. Andrà tutto bene, forse.

Ti potrebbe anche interessare: GF Vip, l’emozionante sorpresa di Adriana Volpe. I ‘vipponi’ non trattengono le lacrime

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it