Coronavirus, il giornalista Nicola Porro positivo al test. Salta Quarta Repubblica


A quanto apprende l’Adnkronos Nicola Porro, conduttore di “Quarta Repubblica”, è risultato positivo al tampone del Coronavirus. Nicola Porro annuncerà di essersi sottoposto al tampone e di essere risultato positivo in un collegamento Skype in diretta tv su Stasera Italia, la trasmissione di Rete 4 condotta da Barbara Palombelli.

Porro è il primo personaggio televisivo ad essere risultato positivo al coronavirus, dopo i diversi casi che hanno riguardato esponenti politici e personaggi delle istituzioni, tra cui il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e quello del Piemonte Alberto Cirio. Continua dopo la foto






“Le misure che sono state prese sono state comunicate come molto dure. Ma non lo sono. Anzi, io credo che, nei prossimi giorni, servirà altro. Il virus sta correndo molto più velocemente dei nostri decreti. Personalmente, credo che ormai tutta Italia debba essere considerata come una zona rossa. Altrimenti diamo un messaggio contraddittorio. E questo vale anche a livello economico”. Lo scrive Matteo Renzi, nella sua ultima enews, soffermandosi sull’emergenza coronavirus. Continua dopo la foto






“Tutto il Paese soffre il crollo economico, non solo i focolai. Sappiamo che il problema di questo virus non è la letalità ma i danni che arreca alle strutture sanitarie, perché diffondendosi velocissimo porta al collasso il sistema della terapia intensiva -prosegue Renzi-. E per questo dobbiamo limitare il contagio sanitario. Ma il contagio economico non è arrestabile. Dunque c’è solo una zona rossa, si chiama Italia. Interveniamo subito”. Continua dopo la foto



 


“Inutile girarci attorno: sul coronavirus il peggio deve ancora venire. E questo vale sia a livello sanitario che a livello economico”, aggiunge. “La buona notizia è che comportandosi in modo intelligente e saggio tutto può essere gestito. Ma occorrono appunto intelligenza e saggezza -prosegue il leader di Iv-. Nelle prossime settimane sarà sempre più chiaro che il coronavirus è un problema mondiale. Nessuno resterà escluso dal contagio. L’Italia ne uscirà. Ma per uscirne bisogna fare di più. Oggi non serve a nessuno discutere su come sia stata gestita fino ad oggi l’emergenza in Italia. Non serve discuterne perché l’unica cosa che conta oggi è uscirne. E uscirne insieme. Tutti insieme”.

Ti potrebbe interessare: Antonella Mosetti non la ferma nessuno. Seno fuori e “andrà tutto bene”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it