‘’Picchiato, minacciato e trattato come un delinquente’’. Choc a Striscia la Notizia. L’inviato tenta di fare un’intervista e per lui le cose di mettono malissimo: le immagini non lasciano spazio ai dubbi


 

Urla, spinte e uno schiaffone. Le immagini non sembrano lasciare dubbi e la scena, ovviamente, è andata in onda lasciando il pubblico senza parole. Luca Abete, inviato di Striscia la notizia, ‘’armato’’ solo di un microfono è stato picchiato mentre cercava di intervistare il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. L’episodio risale a venerdì, sotto accusa ci sono le forze dell’ordine perché — ha spiegato il tg satirico di Canale 5 — ‘’Luca Abete è stato strattonato e fermato dalla Polizia, ad Avellino, durante il tentativo di intervistare il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, che si trovava nel capoluogo campano per un convegno. Fermati anche gli operatori, ai quali è stato chiesto di consegnare il girato. L’inviato e la sua troupe sono stati poi portati in Questura’’.

(Continua a leggere dopo la foto)








‘’Abete voleva chiedere al ministro delle spiegazioni, dopo i numerosi servizi da lui realizzati, nei quali venivano denunciate carenze strutturali in alcuni edifici scolastici della Campania’’. ‘’Mi hanno picchiato, minacciato e trattato come un delinquente, perché quando arrestano un camorrista le forze dell’ordine sono molto meno violente’’, ha detto l’inviato sotto choc.

(Continua a leggere dopo il post)

 

A tranquillizzare tutti, qualche ora dopo il fermo della polizia, è stato lo stesso Luca Abete, che ha affidato parole di speranza ai social network, pubblicando questo messaggio sul suo profilo Facebook: ”Appena uscito dalla Questura…piuttosto ‘stropicciato’”, ha fatto sapere. Poi, rivolgendosi ai suoi sostenitori, ha concluso: ”So che siete in tanti e che mi volete bene. Grazie di cuore. #Noncifermanessuno”.

”Avanti, toccami…”. A Striscia la Notizia Michelle e Belen non si sopportano, dicono le malelingue. Eppure le due prime donne sembrano tanto amiche. Ora spunta questo fuori onda e, almeno per noi, non ci sono più dubbi. Ecco il video

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it