“Quando ho perso mia madre non volevo più vivere”. Mara Venier, le lacrime a C’è posta per te


Ieri è stata una delle ospiti più amate. Parliamo naturalmente di Mara Venier che entra in studio commossa per il video di presentazione: “Maria tu mi fai sempre o molto incaz**re, o molto ridere o, come in questo caso, molto piangere”. È lei che accompagna Milo che vuole dire ai suoceri tutto ciò che ha nel cuore. Fino a poco tempo fa, aveva tutto, inclusa la compagna Giada e la figlia Beatrice. Ha conosciuto Giada quando aveva solo 15 anni. Con lei ha ritrovato il senso della famiglia e si sono innamorati della loro bimba fin dal primo battito.Mara Venier dona a Milo un ciondolo in giada che rappresenta la forza: “Quando sei giù pensa a zia Mara e stringi questa pietra”.

I suoceri di Milo, Maria Teresa, Angelo e il figlio Giuseppe hanno accettato l’invito. Milo prende la parola: “Vi voglio un mondo di bene, voglio ringraziarvi per tutto quello che fate per me e per la piccola. Senza di voi non ce l’avrei mai fatta”. Giada aveva solo 22 anni quando è morta. Nella lettera, letta da Maria De Filippi, Milo dice: “Giada era brava ai fornelli e traeva gioia nel coccolare e viziare le persone che amava. Certi giorni mi sembra di uscire pazzo. Maria Teresa, Giada era il tuo ritratto. Sai quanto ero innamorato di tua figlia”. Continua a leggere dopo la foto









“Ero pieno di sogni da realizzare per lei e per nostra figlia. Ora lavoro, mangio e piango. Scusami se mi appoggio a te in questa maniera. Era il 16 maggio del 2018 quando l’ho vista per l’ultima volta. Era così bella, vedevo il suo viso nello specchio retrovisore. Tutto a un tratto si è spento il mondo. Giada ha smesso di vivere. Vorrei partisse da qui, la fiammella di una nuova vita insieme. Angelo, Maria Teresa e Giuseppe sappiate che io e Beatrice vi saremo vicini sempre, siamo una famiglia”. Continua a leggere dopo la foto






Arriva il momento della sorpresa, Mara Venier scende le scale ed entra in studio. La conduttrice, mentre abbraccia la madre di Giada, spiega: “La vita ti porta improvvisamente a dover accettare dei dolori enormi. È un dolore inaccettabile. Voi siete una famiglia meravigliosa, piena di dignità e forza. Credo che la vostra forza sia proprio Beatrice, che farà 3 anni a settembre. Continua a leggere dopo la foto



 


Io ho perso mia madre che era la mia vita, il senso della mia vita. Quando se n’è andata per me era finita, non avevo più voglia di vivere. Volevo andare dove era lei. Poi la vita mi ha dato un nipotino. Mi è tornato il sorriso e la voglia di affrontare la vita. La forza la dovete trovare in Beatrice”.

Ti potrebbe anche interessare: Lo tradisce, poi va a C’è posta per te per ricucire il rapporto: la storia di Valeria e Giuseppe

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it