Morto il nutrizionista della tv Pietro Migliaccio: il ricordo di Barbara Palombelli


Addio al professor Pietro Migliaccio. Il medico nutrizionista e presidente emerito della Società Italiana di Scienza dell’Alimentazione considerato uno dei massimi esperti d’Italia nel campo della dietologia che negli anni era diventato anche punto di riferimento in numerose trasmissioni televisive, è morto improvvisamente nella notte a Roma.

La notizia della scomparsa di Migliaccio è stata diffusa dal sito web del professore e Barbara Palombelli è stata tra i primi a dedicare un ricordo commosso al medico. La conduttrice di Forum ha pubblicato questo messaggio sulla sua bacheca Facebook: “La scomparsa del professor Pietro Migliaccio lascia un vuoto immenso. 50 anni di consuetudini familiari, affetto, amicizia, assistenza professionale e tanti momenti meravigliosi vissuti insieme. Lo ricorderò oggi in tv”. (Continua dopo la foto)








Pietro Migliaccio era nato a Catanzaro nel 1934, dove aveva conseguito la laurea in Medicina e chirurgia. Docente, oltre che esperto in Auxologia, per oltre 25 anni è stato ricercatore dell’Istituto nazionale della Nutrizione (l’attuale Inran). Da anni esercitava a Roma la professione di nutrizionista e dietologo clinico e attività didattica presso varie università italiane. Nominato all’unanimità presidente della Società italiana di Scienza dell’alimentazione (Sisa) il 12 marzo 2010, attualmente rivestiva la carica di presidente emerito. (Continua dopo la foto)






Autore di numerose pubblicazioni scientifiche in ambito biochimico e nutrizionale, Migliaccio ha collaborato attivamente con la stampa e con numerose testate televisive per la divulgazione di temi riguardanti gli alimenti, la nutrizione e la salute. Da settembre 2009 conduceva una rubrica di nutrizione bisettimanale all’interno del programma ‘I fatti vostri’, in onda su Rai2. (Continua dopo foto e post)



 


Migliaccio è stato anche autore anche del ‘Manuale di nutrizione umana tra presente e futuro’ e di numerose pubblicazioni tra cui ‘L’alimentazione del bambino con patologia oncologica’ (Rai Eri, 2008). Lo scorso mese di novembre il medico aveva parlato su Repubblica delle abbuffate natalizie: “Mangiamo senza sensi di colpa, si rimedia il giorno dopo – aveva detto il 30 di due mesi fa – dopo una giornata con poche regole basta seguire un regime ipocalorico”.

Lo schianto, poi la corsa in ospedale: Enrico muore a 38 anni dopo 24 ore di agonia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it