Al Tg1 dell’ora di pranzo la giornalista si presenta ”così” e le reazioni non si fanno attendere. Il ”particolare” che ha sollevato lo scandalo (ma anche molta approvazione)


 

 

“Scandalo” al Tg1 dell’ora di pranzo. Come ogni giorno, va in onda il telegiornale ma, non appena la giornalista compare in video, tutti, da casa, notano quel particolare. Che, a molti, non piace. Ma ad altri sì. E si alza il polverone. Protagonista della vicenda è Marina Nalesso, giornalista italiana e speaker del Tg1 che ha condotto il telegiornale con un crocefisso al collo. Oltre che le medagliette di Gesù e della Madonna. “Per fede e per dare una testimonianza”, ecco le ragioni che la spingono a fare questa scelta. È quanto lei stessa ha dichiarato ai siti di gossip.

Una scelta che le è valsa un gran numero di richieste di amicizia su Facebook.

(Continua a leggere dopo la foto)

 







 

 

Sono stati tantissimi, infatti, gli utenti che hanno inviato alla giornalista padovana 44enne messaggi di approvazione di stima.

Molti hanno usato i social per raccontare le proprie esperienze di avvicinamento alla fede. Ma, in tutto questo approvare e condividere, c’ anche chi insorge.

“Ma vi sembra normale la conduttrice del Tg1 col rosario al collo”, ha twittato qualcuno.

(Continua a leggere dopo la foto)

 




In fondo non c’è nulla di vietato: la Rai, infatti, non ha un codice che vieta ai giornalisti di indossare accessori particolari, cosa che invece accade in alcuni Paesi del Nord Europa.

(Continua a leggere dopo la foto)

 


Un esempio su tutti la Norvegia: lì è vietato indossare in televisione simboli religiosi di qualunque tipo.

Alcuni anni fa, per esempio, una giornalista della tv di Stato inglese BBC fu contestata per aver indossato una croce. In quell’occasione a protestare furono alcuni musulmani. A ogni modo non fu preso alcun provvedimento.

 

Leggi anche: “È un pazzo, mette a rischio la vita di molti bambini con quelle idee da sciamano”. Le sue parole in diretta tv fanno scandalo e Red Ronnie finisce nella bufera

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it