“Fatto fuori!”. Antonio Cassano, la decisione arriva dai vertici Mediaset


Antonio Cassano fatto fuori da Tiki Taka,. Ad annunciare la scelta, prima a Cassano e poi ai telespettatori del programma, sarebbe stato Pardo stesso. Si ricorda che la collaborazione di Cassano con Tiki Taka si sarebbe comunque conclusa a fine anno. Tuttavia, pare che FantAntonio sia costernato per quel che è avvenuto nelle scorse ore. “Antonio Cassano non ha parlato, ma pare sia stupito e amareggiato, anche perché comunque la sua collaborazione con il programma si sarebbe conclusa con la fine del 2019. Non si conoscono i motivi che hanno portato Mediaset a troncare così bruscamente il rapporto”, si legge sulla Gazzetta dello Sport.

Certo il collegamento con ciò che è trapelato negli scorsi giorni – si è parlato di una lite che sarebbe accaduta tra il barese e Giorgia Venturini nel dietro le quinte – balza subito alla mente. Tuttavia, è bene ribadire che fino ad ora non è pervenuta alcuna spiegazione ufficiale sulla fuoriuscita di Cassano dalla trasmissione. E dunque si rimane solamente nel campo delle ipotesi. Continua dopo la foto









“Tiki Taka di fuoco”, si leggeva pochi giorni fa sul magazine Chi, che passava poi a spiegare che cosa sarebbe accaduto di recente attorno alla trasmissione: “Ancora burrasca dietro le quinte. Questa volta però lo scontro a telecamere spente è avvenuto tra Giorgia Venturini, ex naufraga, e Antonio Cassano”. Il clima tra i due si sarebbe arroventato parecchio. “Tra paroloni e sguardi feroci – si continuava a leggere -, i due hanno concluso la puntata lasciando lo studio infilando uscite separate.” Solo l’intervento di Pardo avrebbe scongiurato ulteriori strascichi. Continua dopo la foto






Il giornalista, negli anni, ha coltivato un rapporto professionale e di amicizia con l’ex calciatore. Secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, la decisione di estromettere il barese dallo show sarebbe stata presa unilateralmente dai vertici di Mediaset. Nato il 12 luglio 1982 a Bari, il giorno dopo la storica vittoria dell’Italia ai mondiali. Cresce in un quartiere popolare della Bari vecchia, un posto dove il calcio la fa da padrone, dove la squadra del cuore è religione. Continua dopo la foto



 


Fra dribbling in piccoli cortili di cemento e virtuosismi in spazi ridottissimi, dimostra sin da subito di saperci fare. E diventa un leader. Ma è ancora lontano dai fasti futuri, anzi trascorre un’infanzia densa di difficoltà.

Ti potrebbe interessare: “Sta collassando”. Guai seri per la salute di Rodrigo Alves. Complicazioni per una parte del corpo del Ken umano

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it