L’entrata a sorpresa di Giampiero Galeazzi a Domenica In commuove l’Italia intera (e anche Mara Venier). Cosa è successo


Una gran bella puntata quella dell’8 dicembre di Domenica In: emozione e lacrime. “Quando mio padre è morto, Don Mazzi lo ha sostituito. Quando ho forti dolori dico: ‘Io ho Don Antonio’. Sei il mio rifugio. So che ho te e che mi consolerai”. Con queste parole Mara Venier ha salutato don Antonio Mazzi nell’ultima puntata diDomenica In, accogliendo in studio il sacerdote che ha appena compiuto 90 anni. “Tu sei immacolata dentro” le ha replicato lui e la conduttrice ha ironizzato: “Sì, molto dentro…nell’anima“. “Io sono un’eccezione, ovviamente, ma qualsiasi uomo impazzirebbe per Mara. Sfido chiunque a lavorare a lungo con lei senza innamorarsi…”, ha rilanciato don Mazzi.

Poi è stata Mara Venier a spiegare al pubblico il forte legame che li unisce: “Ho perso mio papà da giovane e in lui ho trovato un altro padre“. Dopo un video-messaggio di auguri di Fiorello, don Antonio Mazzi ha ricordato la sua vicenda personale, spiegando anche cosa lo ha spinto a diventare sacerdote: “Ero giovane, avevo perso mio padre a neanche vent’anni ed ero furioso con la vita. Poi l’alluvione del Polesine me l’ha cambiata: vedevo morte e distruzione, cercavo di aiutare i vigili del fuoco che salvavano le persone senza la tecnologia disponibile oggi, rischiavano la vita per quella degli altri”. Continua a leggere dopo la foto








Non solo, super apprezzata incursione di Giampiero Galeazzi negli studi di Domenica In nel giorno dei festeggiamenti per i 90 anni di Don Antonio Mazzi. Il giornalista sportivo, grande amico della padrone di casa Mara Venier, ha commosso i telespettatori da casa e il pubblico dei social. Affaticato e con i noti problemi di salute che diventano sempre più evidenti, Bisteccone non è voluto mancare all’appuntamento. Continua a leggere dopo la foto






Sorrisi e commozione tra i presenti quando sono andati in onda i momenti della Domenica In con Mazzi, Venier, Galeazzi e Stefano Masciarelli. Sui social network in tantissimi hanno scritto incoraggiamenti virtuali per lo storico telecronista del tennis e del canottaggio azzurro. Continua a leggere dopo la foto



 


Mentre il bomber azzurro di Spagna ’82 Paolo Rossi ha ricordato alcuni aneddoti che lo hanno visto protagonista con Gaelazzi, c’è stato il tempo di parlare del libro del giornalista “La mia vita sul Tevere”. “Da regalare a Natale e anche a Pasqua”, ha scherzato Bisteccone.

Ti potrebbe anche interessare:

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it