Mercedesz Henger, ora parla la segretaria di Riccardo Schicchi: “È successo subito dopo la sua nascita”


Una settimana fa Mercedesz Henger rivelava a Live Non è la D’Urso di non essere la figlia biologica di Riccardo Schicchi. Poco dopo quella confessione in diretta, è arrivato l’attacco durissimo della madre 46enne, Eva Henger, che in un video social ha detto di essere molto delusa da lei per aver infangato la memoria del regista: “L’unica e ultima richiesta è stata che di questa cosa non si parlasse pubblicamente”.

E sempre nel programma di Barbara D’Urso Eva conferma di aver parlato con la figlia quando aveva 17 anni e precisa anche come lei sapesse già da tempo la verità: “Quando aveva 17 anni ci siamo sedute e io le ho detto: ‘Guarda, penso che è arrivato il momento che tu sappia la verità’ e lei si è messa a sorridere: ‘Mamma io la sapevo già perché a scuola mi hanno chiesto tutti e parlando con nonna lei mi ha detto la verità ma a me non interessa perché siete voi i miei genitori e basta’”. (Continua dopo la foto)








Il padre biologico di Mercedesz, che le ha dato il cognome, Jelinek, non si è mai fatto avanti: “L’ha vista quando è nata, poi è sparito – ha raccontato ancora Eva – Quando ho parlato con lei, che aveva 17 anni, le ho chiesto se aveva voglia di conoscere almeno i nonni paterni, che non c’entravano niente. Lei mi disse di sì, a patto che non lo avesse saputo Riccardo”. (Continua dopo la foto)






“Nel condominio in cui vivevamo, tutti sapevano che non era figlia di Riccardo – ha proseguito – È stata lei a far uscire questa notizia perché è stata lei a venire qua a parlarne. Mercedesz doveva rispettare quello che era stato detto: non sono arrabbiata con lei, sono delusa per la memoria di Riccardo”. E a confermare la versione di Eva anche la segretaria storica di Riccardo Schicchi, Debora Attanasio. Ha raccontato che, diversamente da quanto sostiene Mercedesz, tutti i collaboratori di Schicchi e i suoi artisti sapevano che la primogenita di Eva era nata da una relazione precedente. (Continua dopo le foto)



 


“Per noi Riccardo era molto importante, ho accettato di venire perché non voglio che madre e figlia litighino – ha raccontato la Attanasio – Ho conosciuto Eva prima di conoscere Riccardo. Me la presentò un amico comune che poi mi portò a lavorare da Riccardo. Eva è venuta a lavorare con noi un anno dopo e con Schicchi è nato un grande amore. Quando Riccardo ha deciso di sposarla, sono andati insieme in Ungheria a prendere questa bambina nata da un altro legame. C’erano una ventina di collaboratori che sapevano, lo sapeva il condominio, gli artisti di Schicchi. Ho pubblicato un libro sui miei 10 anni di lavoro con Schicchi e già allora Eva mi chiese di eliminare la parte in cui raccontavo che Mercedesz non era figlia di Riccardo”.

Brutto risveglio per Barbara D’Urso: è successo dopo il suo Live Non è la D’Urso

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it