“Ogni volta che ci penso scoppio a piangere”. Adriano Celentano: la confessione spiazza tutti


Si torna a parlare di Adrian e del suo ultimo super ospite: Biagio Antonacci insieme al quale ha cantato la canzone “Mio fratello” che racconta il rapporto a tratti difficile tra fratelli, le incomprensioni che rischiano di minarne la serenità. L’occasione ha offerto a Celentano la possibilità di ragionare ad alta voce sulla rabbia, anni fa rivolta proprio contro il fratello. Quel momento Adriano non lo ha mai dimenticato, nemmeno oggi che ha 80 anni: “Una volta con mio fratello ho litigato e ho alzato la voce. Per me era come un padre, aveva 18 anni più di me. Mi arrabbiai smisuratamente e gli vidi fare un’espressione particolare, quella di chi non se lo aspettava. Non l’ho più dimenticata, quando ci penso ancora adesso mi scende una lacrima.

Un’altra volta mi sono arrabbiato esageratamente con Claudia (Mori, ndr). Mentre gridavo sono passato davanti allo specchio e mi sono guardato. Ero orrendo. Mi ha preoccupato quell’immagine e da allora ho giurato di non arrabbiarmi più”. Non solo, Biagio Antonacci, salito sul palco dello show di Adriano, ha raccontato al pubblico di avere scritto più di una canzone per Celentano. “Rosita, che è tua amica, una volta mi ha detto che hai fatto un pezzo che si chiama ‘Mio fratello’ che avresti scritto per me. Perché poi l’hai cantata tu?” ha chiesto Adriano al collega. Continua a leggere dopo la foto







“L’avevo scritta per te però non volevo disturbarti” ha risposto Antonacci, dando il là allo sketch: “Lui fa le canzoni per me poi non vuole disturbarmi e le canta lui. Fammi un favore: scrivi le canzoni per un altro e poi le canto io. È già la terza volta che fai questo scherzetto. L’hai fatto anche con ‘Mio padre è un re’. Anche in quel caso non hai voluto disturbarmi”. Continua a leggere dopo la foto






Il monologo con cui Celentano ha aperto la serata si è invece concentrato sul tema della morte e sull’importanza che riveste ogni singolo minuto: “La morte ci accompagna fin dal primo ruggito. La vita è un morire ogni giorno. Se ci fate caso, oggi siamo più morti di ieri”. Continua a leggere dopo la foto



 


“Attraverso i nostri comportamenti – conclude – scorrono momenti di grande gioia come il delicato periodo dell’adolescenza, la scuola, i primi innamoramenti, fino al racconto della nostra vita ai nipotini. Mentre tutto scorre c’è qualcosa di irrisolto, una domanda che per molti di noi rischia di morire senza risposta. Dovremmo chiederci chi dobbiamo ringraziare per questa meravigliosa autonomia che possiede soltanto l’uomo”.

Ti potrebbe anche interessare: Omicidio Luca Sacchi emerge una nuova inquietante ipotesi. Ecco cosa avrebbe scoperto il ragazzo ucciso con un colpo alla testa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it