Paura per Piero Angela: ricoverato in ospedale. Era in casa, cosa è successo


Paura per Piero Angela: il noto divulgatore scientifico è stato ricoverato in ospedale. Lo scrive il sito Fanpage, secondo cui lo scrittore, conduttore e giornalista è stato ricoverato presso l’ospedale Sant’Andrea di Roma a seguito di un incidente domestico che avrebbe potuto avere conseguenze peggiori.

I fatti sarebbero successi tra il 1 e il 2 novembre ma al momento non si hanno altre informazioni circa l’incidente e il ricovero. Ma nelle prossime ore si attendono notizie da parte del suo staff. Amatissimo dal pubblico e con una lunghissima e brillante carriera alle spalle, solo pochi mesi fa lo abbiamo visto in prima serata con il suo “SuperQuark” in occasione dei 25 anni del documentario. Il format ha accompagnato i telespettatori per tutta l’estate e, ancora una volta, l’edizione – la 25esima si è chiusa con grandi ascolti. (Continua dopo la foto)








Nato a Torino il 22 dicembre del 1928, Piero Angela è considerato un’istituzione, un simbolo in tv. E ha legato il suo nome a un programma d’informazione e divulgazione culturale e scientifica, “Quark” appunto, da cui sono poi derivati “Super Quark” e “Il mondo di Quark”. Tutti programmi che hanno fatto crescere una generazione di spettatori curiosi. (Continua dopo la foto)






A dicembre scorso la luminosa carriera di Piero Angela è stata celebrata dalla Rai in occasione dei 90 anni del divulgatore scientifico. Già il giorno precedente il suo compleanno era stato omaggiato a Unomattina, poi il pomeriggio a ‘La vita in diretta’ e durante lo speciale su Rai3. Ma sabato 22 dicembre, giorno del suo compleanno, ogni programma e tg ha reso omaggio al padre dei divulgatori televisivi con testimonianze dirette e contributi video. (Continua dopo la foto)



 


Curioso fin da piccolo, Piero Angela ha racconta nella sua autobiografia “Il mio lungo viaggio – 90 anni di storie vissute” che tutto è partito proprio da lì, dalla sua curiosità: “Avevo ricevuto l’enciclopedia dei ragazzi. Il libro dei perché era il mio preferito – ha scritto – sono sempre stato un perfezionista, come tutti i timidi. Credo che le cose si possano fare sempre meglio”.

Alberto Angela: età, altezza, peso, moglie e quella storia terribile. “Pensavo di morire”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it