“Ho sbagliato”. Claudia Galanti, il retroscena che nessuno conosceva sulla morte della figlia Indila


Claudia Galanti è stata ospite di Seconda vita, il programma condotto da Gabriele Parpiglia che va in onda su Real Time. La showgirl non ha potuto non ricordare un fatto che stravolto completamente la sua vita: la morte della piccola Indila venuta a mancare nel 2014. La morte della piccola è un pensiero che ancora tormenta Claudia. Una madre non può superare certi traumi e anche lei fa fatica ad andare avanti. Oggi Claudia Galanti ha confessato di essere pentita di non aver sottoposto il corpo della figlia all’autopsia:

“Quando Indila è deceduta, io ho detto no all’autopsia. Oggi ho capito di aver sbagliato. Qualcosa non mi è chiaro. Questo pensiero mi tormenta tutte le notti. Mi tormenta sempre. Io non vivo, ma sopravvivo”. Claudia Galanti ricorda il giorno della morte della bimba come fosse ieri. Ricorda ogni passaggio, ogni istante. E oggi è pentita. Pentita di non aver fatto fare l’autopsia che avrebbe potuto dare qualche informazione in più sulla morte di Indila. Continua a leggere dopo la foto









La modella paraguaiana non si dà pace e, appunto, come ha ammesso lei stessa, ormai sopravvive. La morte di Indila è stata per lei un trauma enorme. E anche l’arresto del compagno (ormai ex) Arnaud Mimran l’ha devastata. Da quell’uomo Claudia ha avuto tre figli e con lui ha vissuto i momenti più belli della sua vita. Le loro strade si sono separate ma Claudia non lo ha abbandonato neanche quando è finito in carcere. Anche se per lei è stata dura. Continua a leggere dopo la foto






“Il mio ex compagno è in carcere – ha raccontato – In Francia non sono Claudia Galanti ma l’ex donna di un detenuto. Andare in giro significa abbassare lo sguardo per paura della gente. Ho vissuto prendendo farmaci ogni giorno. Anche sette, otto pillole. Ho pensato di diventare pazza. C’è stato un momento in cui non parlavo più. Poi la cucina per un po’ mi ha salvato e l’amore per i miei figli mi ha fatto alzare dal letto. Ma ricado, ricado ancora, sempre. Il pensiero, il colpo di Indila mi tormenta” ha detto la Galanti. Continua a leggere dopo la foto



 

Era il febbraio del 2014 quando Indila è morta. Poco dopo il decesso della bimba la madre e il padre pubblicarono un comunicato: “In quanto genitori è importante per noi spiegare le cause mediche che hanno portato alla scomparsa della nostra piccola baby Indila. Dopo essere venuti a conoscenza di innumerevoli voci, riteniamo sia giusto chiarire che la nostra bambina è deceduta a causa di un batterio sanguigno. A seguito di accurati esami clinici, la certezza dei medici è che si sia trattato di un’infezione batteriologica. Non c’è stato alcun rigurgito neonatale, ma l’induzione al vomito è stata causata nell’intento di soccorrerla”.

“Dopo la morte di Indila”. Claudia Galanti, la ‘sofferta’ decisione. A quattro anni dalla scomparsa della figlia, la modella cambia vita e, per la prima volta, racconta quel terribile momento: ”Ho risposto al telefono e…”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it