Lutto per Elena Santarelli. “Si è tolto la vita per la malattia”


Non c’è pace per Elena Santarelli. Neppure il tempo di godersi a pieno la guarigione del piccolo Giacomo che la sua vita è stata sconvolta da un altro terribile dramma. A darne notizia è la stessa Elena Santarelli sul suo profilo social con un post pieno di tristezza. Ieri mattina, Elena Santarelli ha perso il suo amato zio Vittorio, che si è tolto la vita lanciandosi dall’ottavo piano di un palazzo. Elena Santarelli ha raccontato il dramma dello zio postando su Instagram la foto della sua lettera d’addio, in cui racconta la sua difficile condizione di papà di una figlia disabile.

“Questa è la lettera che mio zio Vittorio ha lasciato a mia zia Clara (sorella di mia madre) ieri mattina sul tavolo prima di togliersi la vita”. scrive Elena sulla sua pagina Instagram. Una lettera che fa riflettere ed in cui emerge in toni drammatici tutta la disperazione di un uomo. “La Prader Willi mi ha consumato, distrutto senza forze, ora sento già il secondo mostro che si è impossessato di me. Chiedo scusa alla mia famiglia (tutta) ma non ho la forza per affrontarlo”. Continua dopo la foto



Poi continua: “Mario prendi il comando e già so che lo farai, ciao, grazie Dani ciao Vale scusa, Lalla scusa ciao. Tommi Vittoria nonno va sulla luna. Ciao bambini, ciao studiate. Ciao a tutti quelli a cui ho voluto bene, amici cari. CHIEDO AI POLITICI DI FARE DI PIÙ PER LE FAMIGLIE CON “PERSONE CON HANDICAP”. Vittorio Bonaldo”. Una decisione che sconvolto la famiglia, a cominciare da Elena Santerelli che allo zio era molto legata. Continua dopo la foto


Ma che cos’è la sindrome di Prader-Willi ? Si tratta di una malattia genetica molto eterogenea, sia dal punto di vista clinico sia da quello genetico. Si manifesta già alla nascita con una grave ipotonia, che comporta problemi alla deglutizione e all’allattamento. A partire dai due anni di età il bambino affetto mostra una costante assenza di sazietà (iperfagia) la quale, se non controllata, può portare a obesità grave. Continua dopo la foto


 

Visualizza questo post su Instagram

 

“La Prader willi mi ha consumato,distrutto senza forze,ora sento già il secondo mostro che si è impossessato di me.chiedo scusa alla mia famiglia (tutta) ma non ho la forza per affrontarlo Mario prendi il comando e già so che lo farai ,ciao ,grazie Dani ciao Vale scusa ,Lalla scusa ciao . Tommi Vittoria nonno va sulla “luna “ciao bambini,ciao studiate . Ciao a tutti quelli a cui ho voluto bene ,amici cari. CHIEDO AI POLITICI DI FARE DI PIÙ PER LE FAMIGLIE CON “PERSONE CON HANDICAP” Vittorio Bonaldo . Fai qualcosa sui giornali , ciao Vito . Questa è la lettera che mio zio Vittorio ha lasciato a mia zia Clara (sorella di mia madre) ieri mattina sul tavolo prima di togliersi la vita dall’ottavo piano di un palazzo a Latina. Mio zio aveva una figlia (Daniela ) con la sindrome rara di prader willi ,da 37 anni era l’ombra di sua figlia Daniela ,era insieme a mia zia un vero e proprio “care giver “dedicando tutte le sue energie alla figlia malata , e come tutti i care giver ci si sente lasciati soli ( non dalla famiglia ). Pochi gg fa aveva scoperto di essere affetto da una malattia ,questo è il secondo mostro di cui parla . Questo gesto che ha compiuto può essere giudicato come atto di vigliaccheria ma non è così ,un gesto chiaro di un ultimo sacrificio verso la famiglia e verso tutte le famiglie che vivono questa condizione .zio Vittorio era una bella e brava persona che aiutava tutti con il sorriso sulle labbra e vorrei che tutti lo ricordassero per tutto quello che ha fatto prima di compiere qs gesto estremo. Zio voleva che si parlasse della prader willi e questo è’ il mio contributo al tuo volere zio Vito.ti vogliamo tutti bene zio ,hai lasciato un grande vuoto .il repost e’ gradito . #caregiver #ciaozioVito #tivogliamobene . Ci prenderemo tutti cura della tua famiglia , Con affetto , tua nipote Elena . www.praderwilli.it

Un post condiviso da Elenasantarelli (@elenasantarelli) in data:

 


La malattia è inoltre associata a difficoltà di apprendimento e a disturbi comportamentali (comportamento ossessivo-compulsivo oppure manipolativo) e psichiatrici (difficoltà nell’interpretazione e nell’uso appropriato delle informazioni sociali, che comportano disturbi simili a quelli caratteristici dello spettro autistico) di entità variabile»
Nei malati di Prader Willi può capitare di riconoscere caratteristiche facciali come fronte stretta, occhi a mandorla, mani e piedi molto piccoli o bassa statura (dovuta a deficit dell’ormone della crescita).

Ti potrebbe anche interessare: Matteo Salvini e Francesca Verdini al mare: acrobazie bollenti sotto l’ombrellone