Simone Coccia Colaiuta, quanto ha speso per il trapianto di capelli (e cosa c’entra George Clooney)


A giugno è volato in Turchia per sottoporsi al trapianto di capelli. E ora Simone Coccia Colaiuta è felice. L’intervento è stato lungo (è durato 8 ore) e delicato ma è riuscito alla perfezione. Proprio Simone lo ha rivelato su Instagram dove ha spiegato anche le motivazioni della sua scelta.

“Il motivo per il quale ho deciso di rendere pubblica questa foto è perché non bisogna assolutamente vergognarsi di aver fatto un passo così importante – ha scritto a didascalia della foto dell’intervento – ma soprattutto la mia pubblicazione l’ho fatta per dar forza a tutti coloro che vorrebbero fare il mio stesso passo, ma ostacolati dal giudizio altrui che spesso e volentieri portano a non fare ciò che si vorrebbe. Siate liberi, voletevi bene, fate ciò che per voi è giusto senza prendere in considerazione il giudizio negativo delle persone che magari vorrebbero fare altrettanto ma non possono. Chi si deve vergognare, non chi ha deciso di fare un passo importante per la propria vita e per il proprio benessere, ma chi giudica le scelte altrui specie quelle che vi rendono felici”. Continua a leggere dopo la foto








Poi Colaiuta ha postato una foto insieme al team di medici che gli ha permesso di realizzare questo sogno: “Da oggi grazie a queste persone decisamente fantastiche, uniche al mondo direi, sono tornato a sorridere”. Simona Coccia Colaiuta non è il primo ad andare in Turchia per un intervento di questo tipo: molti italiani scelgono la Turchia per il trapianto dei capelli, soprattutto per via dei prezzi più competitivi. Ma quanto costa fare il trapianto? E quanto ha speso il fidanzato di Stefania Pezzopane? Continua a leggere dopo la foto






In Turchia, affidandosi a una clinica specializzata e a professionisti competenti, ha Coccia ha speso solo 3 mila euro. E, cosa più importante, è riuscito a risolvere il suo problema di calvizie. Oltre a farlo tornare a sorridere, lo staff del centro cui si è affidato gli ha fatto, come da richiesta, una chioma simile a quella di George Clooney. “Io mi sono presentato con una foto di George Clooney e ho detto loro: ‘Vorrei diventare così’ – ha raccontato a Grand Hotel – Per fortuna non si sono messi a ridere, ma hanno preso la mia richiesta molto seriamente. E dopo aver analizzato bene la testa dell’attore hanno disegnato sulla mia, con un pennarello, la linea dell’attaccatura dei capelli in modo che fosse uguale a quella di Clooney”. Continua a leggere dopo la foto



 

Visualizza questo post su Instagram

 

Buongiorno a tutti, ciò che vedete è il trapianto dei capelli che ho effettuato ieri pomeriggio. Il motivo per il quale ho deciso di rendere pubblica questa foto, è perché non bisogna assolutamente vergognarsi di aver fatto un passo così importante, ma soprattutto la mia pubblicazione l’ho fatta per dar forza a tutti coloro che vorrebbero fare il mio stesso passo, ma ostacolati dal giudizio altrui che spesso e volentieri portano a non fare ciò che si vorrebbe. Siate liberi, voletevi bene, fate ciò che per voi è giusto senza prendere in considerazione il giudizio negativo delle persone che magari vorrebbero fare altrettanto ma non possono. Chi si deve vergognare, non chi ha deciso di fare un passo importante per la propria vita e per il proprio benessere, ma chi giudica le scelte altrui specie quelle che vi rendono felici 🤟

Un post condiviso da Simone Coccia Colaiuta (@simone_coccia_colaiuta_) in data:

 


Durante l’intervento a Coccia sono stati impiantati circa 4 mila e duecento bulbi. Come rivelato dall’ex concorrente del GF, il trapianto di capelli avviene con un’anestesia parziale. I medici estraggono i bulbi piliferi della zona sotto al mento o dalla nuca e li congelano, in modo che non muoiano. Poi vengono fatti tanti piccoli buchetti nella zona della testa da infoltire e ci si mettono i bulbi estratti in precedenza. Ora Simone Coccia fa degli impacchi con medicinali specifici che aiutano la crescita e lava i capelli con uno shampoo neutro.

Trapianto di capelli per Simone Coccia Colaiuta: “Sono tornato a sorridere”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it