Paolo è morto sul quad. 36 anni, padre di 3 figli, tutti gli volevano bene


Un uomo di 36 anni di Fabriano (Ancona), Paolo Paladini, è morto all’Isola d’Elba in un incidente stradale accaduto questa notte verso l’una dopo che il quad sul quale si trovava a bordo insieme ad altre tre persone, si è ribaltato per cause in corso di accertamento. Sul quad c’erano anche due giovani elbani rimasti illesi e il conducente, originario della provincia di Como, che è stato ricoverato in ospedale con diverse contusioni.

Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri intervenuti sul posto, il viale dei Golfi a Lacona, il conducente avrebbe perso il controllo del mezzo che si è ribaltato. Nell’impatto il 36enne, che si trovava sul sedile del passeggero, ha sbattuto violentemente la testa contro l’asfalto rimanendo schiacciato dal telaio del mezzo ed è morto sul colpo. (Continua a leggere dopo la foto)








 

Illesi gli altri due passeggeri che si trovavano sul sedile posteriore. Il mezzo è stato sequestrato dai carabinieri mentre sono ancora in corso gli esami tossicologici sul conducente che al momento si trova ricoverato all’ospedale di Portoferraio. (Continua a leggere dopo la foto)






Choc in tutta Fabriano non appena si è diffusa la tragica notizia. Paolo Paladini lavorava come operaio in un’azienda di Fabriano. Era andato all’isola d’Elba in vacanza. “È stato un nostro tiratore alla fune, nella giostra dei giochi popolari per alcune edizioni”, racconta, commosso, a Centro Pagina il Priore di Porta Pisana, Giampiero Camardo. “Siamo molto dispiaciuti e siamo vicini alla famiglia. (Continua a leggere dopo la foto)



Chiaramente, non appena saputa questa terribile notizia questa mattina, è stato gettato un velo di tristezza sulla nostra vittoria nella Sfida del Maglio. Ma questo sarebbe accaduto a prescindere dal fatto se la giovane vita spezzata fosse, come in questo caso, appartenente alla nostra Porta o alle altre tre. È, purtroppo, un giovane di Fabriano, padre di famiglia, che ci ha lasciati”.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it