Lutto nel mondo della televisione. ”La signora in giallo” non sarà più la stessa senza di lei, se n’è andata a 88 anni dopo oltre 50 anni di onorata carriera


 

Forse in pochi conoscevano il suo volto, ma la sua voce era inconfondibile. Alina Moradei, attrice e doppiatrice, è morta oggi all’età di 88 anni. 

(Continua a leggere dopo la foto)



Voce inconfondibile, dicevamo, perché la Moradei è stata la doppiatrice di Angela Lansbury, l’attrice londinese naturalizzata statunitense che per ben 12 stagioni ha vestito i panni della detective ‘’dilettante’’ Jessica Flatcher ne ‘’La Signora in Giallo’’ (in lingua originale Murder she wrote), la serie tv che, per la prima volta in Italia è andata in onda il 1 giugno 1988, alle 20.40, con la puntata pilota intitolata ‘’Chi ha ucciso Sherlock Holmes?’’.

(Continua a leggere dopo la foto)


Nella sua carriera di doppiatrice, grazie alla sua voce che le ha permesso di vincere nel 1998 il premio come “Miglior voce femminile – Sezione TV”, Alina Moradei ha doppiato tante altre attrici, tra cui: Katharine Hepburn, Cloris Leachman, Joan Plowright, Maggie Smith, Jean Stapleton, Gloria Stuart, Lois Smith, Lucile Watson in Il signore e la signora Smith, Frances Cuka in Oliver Twist, Renée Asherson, la medium del film The Others e Fata Smemorina in Cenerentola II – Quando i sogni diventano realtà,Cenerentola: Il gioco del destino.

(Continua a leggere dopo la foto)


Vedova dell’attore Lucio Rama, con il quale ha lavorato sia nella prosa radiofonica che in teatro, ha terminato l’attività di doppiatrice nel 2011. La doppiatrice è stata premiata nel 1995 con il ‘’Leggio d’oro’’ come  Miglior voce femminile televisiva per il doppiaggio di Angela Lansbury in La Signora in Giallo. Nel 1998 è suo il premio ‘’Voci nell’ombra, Miglior Voce Femminile – Sezione TV’’, mentre nel 2007 al Gran Galà del Doppiaggio Romics DD, la una manifestazione dedicata al doppiaggio italiano, riceve il ‘’Premio alla Carriera Femminile’’.

 

Le lacrime di Livia Turco in Tv: “Mi fa soffrire vedere tanti che non si iscrivono al Pd”