Isola dei famosi, il dramma di Stefano Orfei. A poche settimane dal ritrono dall’Honduras, l’ex naufrago si confessa: le parole del principe del circo commuovono


 

Durante la puntata che celebrava i vent’anni di Verissimo, Silvia Toffanin ha intervistato Stefano Orfei, il figlio di Moira, la regina del circo scomparsa di recente. Stefano è stato uno dei naufraghi sull’Isola dei famosi. Dopo l’eliminazione, tre settimane fa dal reality, ha passato sette giorni in solitaria a Playa Soledad prima di essere sconfitto al televoto da Alessia Reato.

(Continua a leggere dopo la foto)







Durante l’intervista con Silvia Toffanin Stefano ha parlato di sua madre: ”Sarebbe stata orgogliosa di me – ha detto l’ex naufrago -. Per qualche settimana non sono quasi riuscito a sopportare il dolore della sua morte, adesso va un po’ meglio”. Poi la conduttrice ha mandato in onda un video con la lettera bellissima che lui ha scritto alla madre dopo la sua morte e Stefano Orfei si commuove: ”Da quando mamma non c’è più il circo è vuoto, lei riusciva a riempire la giornata. E poi lo spettacolo era che lei bastava uscisse per far gridare la gente. E lei lo sapeva, sapeva che il pubblico la amava, le bastava uscire e fare un giro, niente di che”.




Stefano ha anche parlato del carattere di Moira oltre al rapporto che lei aveva con la moglie Brigitta: ”Lei vedeva sempre le cose in modo positivo. Questa era la cosa bella di una vita piena di sacrifici. Lei stravedeva per Brigitta perché aveva capito che lei entrava nel nostro mondo non per stravolgerlo, ma per viverlo”.


E Brigitta, protagonista ditanti pianti di Stefano sull’Isola durante i collegamenti dallo studio con Alessia Marcuzzi, è entrata poi in studio per parlare di Moira, che lei aveva conosciuto negli ultimi anni di carriera: ”Soffro molto per la scomparsa di Moira, che anche se non era la mia mamma naturale ha avuto per me il ruolo di seconda madre. Mi ha voluto bene, io ne volevo a lei”.

 

Addio a un mito! Il circo piange la sua regina, Moira Orfei. Aveva 83 anni, ecco la sua storia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it