L’Eredità, la gaffe del concorrente con 5 lauree sciocca Insinna e pubblico


Ancora imbarazzo a L’Eredità. Da parte di Flavio Insinna, il padrone di casa che di fronte a certe risposte fatica a trattenere il suo stupore e da parte del pubblico a casa, che invece non riesce a non condividere sui social il suo sgomento. Lo abbiamo notato settimane e settimane fa, ormai, che certi concorrenti del quiz show di Raiuno sono decisamente un po’ fiacchi quest’anno in storia, geografia e cultura generale. Qualche esempio? Ricordiamo lo scivolone di qualche puntata fa della concorrente Stefania che alla domanda “Quale popolo dominava sul Messico meridionale nel ‘500?” ha spiazzato tutti rispondendo “I cimbri”, cioè la popolazione di nomadi diffusasi nel 1110 a.C. nel Nord d’Italia.

Erano i molto più conosciuti aztechi. Roba da essere bocciati alle medie, come si è notato anche dall’espressione del conduttore. Ancora, sempre rimanendo in tema storia. Alla concorrente Cristina, Insinna aveva chiesto “in che anno gli ebrei italiani riacquistano i diritti negati dalle leggi razziali”. La risposta? 1989, cioè 50 anni dopo la fine della Seconda guerra mondiale. Tutti di sasso. (Continua dopo la foto)



E che dire, cambiando argomento, della gaffe in geografia di un altro concorrente per cui, come si suol dire, ‘sarà per la prossima volta’? La domanda era su un capoluogo di provincia irpino e lui ha risposto “Ancona”. Gelo, di nuovo. E l’elenco sarebbe lungo. Altro amarcord: la domanda richiedeva di nominare quello che, in ordine alfabetico, è il primo capoluogo di provincia del Piemonte. La risposta? “Aosta”. Okay per la “a”, peccato perché che Aosta non si trovi in Piemonte ma in Valle d’Aosta. (Continua dopo la foto)


Per par condicio citiamo anche una gaffe di Insinna che, rivolgendosi a una ragazza seduta tra il pubblico come accompagnatrice di un concorrente le ha detto: “Brava Veronica che hai iscritto il nonno!”. Peccato che invece quel signore era il papà, non il nonno… Non una figuraccia ma un’osservazione che secondo il pubblico di Twitter il conduttore si sarebbe potuto risparmiare quella al concorrente Francesco. Doveva calcolare il risultato di 995,5 per 2. La risposta esatta era 1991, ma Francesco non è riuscito a indovinare. E a quel punto Insinna, visibilmente sorpreso, non si è trattenuto, affermando che anche lui era in grado di fare qual calcolo. (Continua dopo la foto)


 


Veniamo così all’ultimissimo momento di imbarazzo a L’Eredità. Come riporta Libero, tra i concorrenti in gioco c’è tale Numinato che, visto il curriculum, sulla carta sembra un ottimo candidato alla vittoria della puntata: cinque lauree e vasta preparazione in cultura generale. Sulla carta, sì, perché quello a cui si è assistito la sera del 3 dicembre ha dell’incredibile. La domanda di Insinna è roba da elementari. Da scuole medie, se proprio vogliamo tenerci larghi. Questa qua: quanti sono mille metri? Numinato ci riflette un po’ per poi sussurrare “centimetro”. Ma come? Era “chilometro”! Insinna scioccato. Sui social, ovvio, è stato massacrato.

L’Eredità, scoppia un nuovo ‘caso’: ecco cosa non torna al pubblico di Flavio Insinna