Philippe Daverio: età, altezza, peso, moglie, figlio


Critico d’arte, gallerista, professore ordinario alla facoltà di Architettura dell’Università di Palermo e al politecnico di Milano, direttore della rivista “Art e Dossier”, autore e conduttore di Passepartout, Emporio Daverio e Il Capitale. Philippe Daverio è nato a Mulhouse, Francia, dove ha vissuto fino al 1968. Arrivato in Italia per gli studi universitari, ha frequentato il corso di laurea in Economia e Commercio presso l’Università Bocconi di Milano. Tre le gallerie d’arte moderna da lui inaugurate: la prima, la “Galleria Philippe Daverio”, nel 1975 a Milano in Via Montenapoleone n. 6, nel 1986 la “Philippe Daverio Gallery” a New York e tre anni dopo una seconda galleria a Milano in Corso Italia n. 49, con uno spazio dedicato all’arte contemporanea.

Specializzato in arte italiana del XX secolo, ha dedicato i suoi studi al rilancio internazionale del Novecento. Collaboratore di diverse testate (“Panorama”, “Liberal”), nel 1999 è inviato speciale di “Art’è”, trasmissione in onda su Raitre. Nel 2001 sempre su Raitre, Philippe Daverio presenta “Passepartout”, programma che incontra un buon successo di critica e di pubblico. A partire dal dicembre 2010 (e fino a marzo 2011) su Rai5 conduce il programma settimanale “Emporio Daverio”, nel 2012 torna in onda su Raitre con “Il Capitale di Philippe Daverio”. (Continua a leggere dopo la foto)



Come gallerista ed editore – nell’81 fonda la casa editrice Edizioni Philippe Daverio: il primo libro pubblicato è del 1977, Guido Balsamo Stella, opera grafica e vetraria. Il professor Daverio si occupa anche di strategia ed organizzazione nei sistemi culturali pubblici e privati, e svolge attività di docente presso atenei ed istituti di diverse città: è stato incaricato di un corso di Storia dell’arte presso lo IULM di Milano, laurea in Comunicazione e gestione dei mercati dell’arte e della cultura; ha svolto diversi corsi di Storia del design presso il Politecnico di Milano, e dal 2006 è professore ordinario di Disegno Industriale presso l’Università degli Studi di Palermo.  Nel 2013 ha ricevuto dal Presidente della Repubblica Italiana il Cavalierato delle Arti e delle Lettere e la Medaglia d’Oro di benemerenza del Ministro per i Beni Culturali. (Continua a leggere dopo la foto)


Sempre nel 2013 è stato insignito dal Presidente della Repubblica Francese della Légion d’Honneur; da settembre 2014 è direttore artistico del Grande Museo del Duomo di Milano, e dal 2015 membro del Comitato scientifico della Pinacoteca di Brera e Biblioteca nazionale Braidense.  Philippe Daverio è fumatore di sigaro, ottimo bevitore, proprietario di un guardaroba di avanguardia nella classicità e strenuo difensore del papillon: ’’Arrivato a diciott’anni ho smesso la cravatta e son passato al papillon. È più pratico: non casca nel brodo. Adesso, però, lo confesso, è diventato una mania’’, ha detto il critico d’arte parlando dei suoi papillon. (Continua a leggere dopo la foto)


 


Quarto di sei figli, papà italiano che si chiamava Napoleone e faceva il costruttore, e mamma alsaziana, Aurelia Hauss, Philippe Daverio (altezza circa 175 per un’ottantina di chili di peso) è nato il 17 ottobre 1949. Nel 1972 inizia a convivere con Elena Gregori (che gli darà un figlio, Sebastiano). La coppia si sposerà nel 1983. I due hanno spesso collaborato insieme. Celebre la mostra fotografica ‘’Colazioni’’, che aveva come oggetto una serie di fotografie della tavola imbandita (dalla moglie Elena) e immortalata dalla macchina fotografica del critico. Anche il figlio Sebastiano dedica la sua vita all’arte. Insomma, buon sangue non mente.

Quella figlia segreta di Vittorio Sgarbi, nata da una scappatella con una cantante a Montecitorio. “Io non la volevo…”