Caduta Libera, la domanda sulla scopofobia imbarazza tutti: Gerry Scotti “senza parole”


Clamorosa gaffe a Caduta Libera. Nella puntata andata in onda ieri il curioso episodio: c’erano tutte le carte in regola per una risposta epica che avrebbe potuto ricordare alcune scene diventate piccole perle della televisione. Come ad esempio succedeva nei quiz di Mike Bongiorno. Tutto ciò avviene nei giorni in cui il mondo della televisione si sta interrogando sul futuro di Gerry Scotti. Andrà via davvero dal piccolo schermo? “L’età media per gli uomini è sopra gli 80 anni – ha detto Scotti nei giorni scorsi – Considerando che ne ho passati 20 a diventare uomo, 40 a fare un lavoro che mi piaceva molto e che mi è arrivato senza che lo cercassi, mi piacerebbe nei prossimi 20 affrontare qualche sfida in più”.

Qualcuno ipotizza che Gerry Scotti voglia dedicare tutte le sue energie all’azienda vitivinicola di cui è proprietario e che produce ottimi vini in ricordo delle tradizioni della famiglia, in particolare del nonno viticoltore. Per altri avrebbe in mente un’altra avventura da aggiungere alla sua lunga lista. (Continua a leggere dopo la foto)



Tutto questo arriva dopo la divertente gaffe nella quale è inciampato a ‘Caduta Libera’ di Gerry Scotti L’altra sera, lettera dopo lettera, mentre nessuno indovinava la parola misteriosa, sullo schermo, per un imprevedibile caso lo schermo ha composto la parola: ‘culo’. Il primo ad accorgersene è stato proprio uno dei concorrenti, il campione Alberto: “È comparsa una parolaccia”, ha avvisato. (Continua a leggere dopo la foto)


Ma non è la prima gaffe di Caduta Libera. Come dicevamo in apertura, infatti, solo ieri un’altra possibile ‘figuraccia’ si è registrata al quiz-show game di Gerry Scotti. Nel corso della puntata di martedì 16 ottobre, alla concorrente è stato lanciato il quesito: “Chi soffre di scopofobia ha paura di essere…”. Quando è comparso lo spazio per la risposta con il relativo suggerimento, il pubblico ha cominciato a rumoreggiare e il gelo è diventato palpabile: otto lettere, la terzultima è una “a” e l’ultima una “o”. (Continua a leggere dopo la foto)


 


In molti avrebbero avuto la tentazione di rispondere in modo volgare. E le alternative, in merito, erano davvero tante. Eppure la concorrente ha tenuto i nervi saldi e ha risposto correttamente: “Essere guardato”. Sì, perché la scopofobia – contrariamente a quanto si possa pensare – è il timore morboso di mostrare le proprie nudità, di essere osservato.

Leggi anche:

Raffaella Fico è rifatta? Ecco com’è oggi e com’era: foto