Tiberio Timperi, la clamorosa rivelazione su Emilio Fede: “Mi fece mobbing, sfiorammo la rissa”


Tiberio Timperi è alla guida de ‘La vita in diretta’ da circa due mesi. In questo avvio di stagione ha fatto molto discutere il suo rapporto con la co-conduttrice Francesca Fialdini: tra i due i rapporti sembrano essere molto tesi. Ma a fare chiarezza, in parte, è proprio Timperi in una lunga intervista concessa a ‘Libero Quotidiano’: “A me piace fare battute e ironizzare. Ho preso spunto da alcune voci rimbalzate in rete e ci ho giocato sopra. La rete prende una frase, la estrapola, ne esce qualcosa di lontano dalla verità. Conosco Francesca da 7-8 anni, la tenni a battesimo a Unomattina in famiglia, ci frequentiamo anche extra-lavoro con amici comuni. Tutte balle insomma…”. E anzi, sugli episodi incriminati, Tiberio Timperi spiega: “Quando Francesca –  poi disse – questo copione è uno schifo. Aveva il sorriso sul volto, ma non si vedeva perché era dietro le quinte”. (Continua a leggere dopo la foto)







Anche perché, a prescindere dai rapporti tra Tiberio Timperi e Francesca Fialdini, ‘La vita in diretta’ sta andando molto bene in questa stagione. E i vertici di viale Mazzini, a sentir e il presentatore televisivo, sono molto soddisfatti: “Il programma è due punti più alto rispetto alle passate edizioni e a volte supera il dirimpettaio. Ma seguo la scuola di Ballandi: ‘Volare bassi per schivare i sassi” spiega a Libero il conduttore de ‘La vita in diretta’. (Continua a leggere dopo la foto)




Tiberio Timperi a Libero Quotidiano torna anche sul caso Parodi – Salvini. “Quando ho iniziato a Telemontecarlo mi sentivo molto libero, ma essendo agli inizi non ne avevo consapevolezza.  Nei miei anni a Mediaset, idem: lo devo dire, mai una pressione da parte di Silvio Berlusconi. In Rai neppure. Ma non sono mai stato al telegiornale, quando lavoravo nei programmi di Guardì, un maestro, eravamo in un’isola felice. Praticamente un’organizzazione para-militare. Se sono arrivate telefonate di politici, non sono mai arrivate a me”. Ma la vita professionale di Timperi ha subito anche alcuni intoppi. Come il rapporto tra lui ed Emilio Fede. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Con l’allora direttore del Tg4, infatti, Tiberio Timperi ebbe: “Qualche incomprensione. Che oggi chiamerei mobbing. Non mi ha fatto lavorare per sei-otto mesi, nemmeno un servizio. Dovetti andare dai vertici”. A detta del conduttore de ‘La vita in diretta’: “Facevo il tg della notte, mi aveva recluso lì e – non per merito mio ma dei Bellissimi di Rete4 – facevamo ascolti molto alti. Un giorno in redazione fischiettavo, ero allegro. Lui mi attacca: ‘Non si fischietta in redazione’. Fummo faccia a faccia, venimmo quasi alle mani. Ci separò il collega Francesco Tartara. Comunque fu un’ esperienza, il nostro era un bel gruppo…”. Questo, per Tiberio Timperi, è stato il peggior periodo della sua vita professionale.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it