“Tiberio Timperi e Francesca Fialdini?”. La vita in diretta, la vendetta di Marco Liorni


Marco Liorni torna in televisione. No, carissimi fan del ‘sex-symbol’ della rete pubblica, non sarà alla guida de La Vita in Diretta. Per lui un programma del tutto nuovo in una fascia oraria alquanto complessa. Dovrà battagliare con Silvia Toffanin e il suo Verissimo. Alla rete del Biscione, infatti, quest’anno la Rai ha deciso di rispondere con un nuovo format televisivo, ItaliaSì. A spiegare come funziona il nuovo programma tv è lo stesso Liorni in una lunga intervista concessa a Vanity-Fair:  “Il fulcro è un corner, un podio dove chiunque può salire e dire qualcosa a tutti. Una denuncia, un appello, una richiesta di aiuto, una cosa che si è fatta, una cosa che si è inventata: qualsiasi motivo che possa spingere qualcuno a condividere un’esperienza”. Di fronte al personaggio del momento, aggiunge il conduttore, ci saranno due tipologie differenti di uditorio: “Da una parte il pubblico popolare, che può intervenire di pancia nelle varie fasi del racconto, e dall’altra un gruppo di ‘saggi’, personaggi noti che daranno il proprio contributo avendo esperienze forti di vita alle spalle”. (Continua a leggere dopo la foto)






“Il tutto – continua ancora Marco Liorni –  finisce con una postazione web che darà la possibilità al protagonista di interagire direttamente con il pubblico a casa”, conclude la spiegazione Liorni. Che poi puntualizza: “Sono l’unico che sa quello che diranno queste persone. Sarò al loro fianco, li sosterrò e gireremo anche delle esterne. Questo programma è come un bambino che aveva fretta di nascere”. Già, un nuovo programma televisivo per Marco Liorni che però, probabilmente, avrebbe preferito fare altro. Sì, perché nel 2017 sembrava esser tutto fatto: il preserale passerà all’ex ‘bordocampista’ del Grande Fratello. Ma qualcosa non ha funzionato… (Continua a leggere dopo la foto)






“Quella del preserale è un’idea nata nell’estate del 2017 e andata avanti fino alla scorsa primavera, quando, per motivi riservati, è saltato”. Lo rivela Marco Liorni a Tiscali sottolineando come a un certo punto della sua carriera si sia ritrovato quasi a piedi. Anche perché i vertici di viale Mazzini lo avevano già bello che rimpiazzato con Tiberio Timperi: “Devo dire che dopo sette anni in un programma istituzionale sono felice di poter sperimentare una nuova strada dove userò anche altre corde, come quella della leggerezza e dell’ironia”. Cerca di essere il più diplomatico possibile, dunque, Liorni alla vigilia del debutto di ItaliaSì. Ma è normale che un pensiero vada a La Vita in Diretta: “È stato come un funerale da vivo. Timperi? Tra di noi scherziamo, nessun problema. Ho visto gli ultimi venti minuti della prima puntata. Ammetto che avessi qualche remora ma quando l’ho vista ho pensato ai sette anni di vita che ci ho fatto dentro, a Toaff, ad Antonella Stefanucci, ad Adele Pistolese, agli autori”. A Tiscali, infatti, Liorni spiega: “Pensando a tutto questo mi sono detto che potevamo andare avanti orgogliosi di ciò che avevamo fatto. Non un programma perfetto, ma di sicuro di buon livello”. (Continua a leggere dopo la foto)



 

Ma cosa è successo veramente con la Rai? Anche qui Liorni cerca di essere il più ‘neutrale’ possibile e non utilizzare toni ‘guerrafondai’, ma dalle sue parole traspare un pizzico di risentimento per il trattamento riservatogli. “Il discorso è un po’ complesso. In questo genere di faccende aziendali tutta la verità non può mai essere raccontata. Ci sono state alcune vicissitudini che hanno portato a un momento critico con l’azienda. Poi le incomprensioni sono state superate e abbiamo deciso di comune accordo di guardare avanti”. Insomma, per Marco si volta pagina e adesso arriva ‘ItaliaSì’…

Leggi anche: 

“Ecco perché fuori da La Vita in Diretta”. Marco Liorni, mistero svelato. A raccontare tutto è il direttore di Rai 1

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it