Ricordate il piccolo protagonista di Cuore? All’epoca aveva 10 anni e nel film era Enrico Bottini. Oggi è una persona molto in vista, uno potente. Sì, è proprio lui…


 

Correva il 1984. Sono passati più di trent’anni ma scommettiamo che qualcun altro, oltre a noi, ricorda la miniserie ‘Cuore‘. Diretta da Luigi Comencini e liberamente tratta dall’omonimo romanzo per ragazzi di Edmondo De Amicis. Per la prima volta sugli schermi, in 6 puntate totali, per cui ci sono voluti 3 anni di lavorazione. Ecco, rinfrescata la memoria, ora non potete non ricordarvi del protagonista dello sceneggiato tv: Enrico Bottini, il figlio dell’ingegner Alberto. L’Enrico Bottini adulto era interpretato da Laurent Malet, e l’alunno? Quando lo scoprirete, non ci crederete…

(Continua a leggere dopo la foto)



Aveva 10 anni quando, nel 1983, venne scritturato per la parte. Nipote del regista, Luigi Comencini, il piccolo Enrico Bottini altri non era che Carlo Calenda. Già, quel Carlo Calenda che il premier Matteo Renzi ha scelto come ambasciatore italiano all’Unione Europea. Figlio dell’economista Fabio Calenda e della regista Cristina Comencini, Carlo ha un passato da manager e vanta una grande esperienza a livello internazionale. Ora, forse, quando lo vedrete in tv e sui giornali, penserete anche allo scolaro Enrico Bottini di Cuore, capolavoro della nostra televisione e, soprattutto, della nostra letteratura.

Potrebbe anche interessarti: Non è Natale senza rivedere Il piccolo Lord in tv. Ma che fine ha fatto il protagonista? A 35 anni dall’uscita del film, ecco cosa combina e come è diventato il bimbo col caschetto biondo e il visetto angelico