Enrica Bonaccorti era uno dei volti più amati della tv. Oggi ricorda quella relazione di tanti anni fa avuta con lui, che è un artista immenso, a cui poi rivolge un appello…


 

Ricordate Enrica Bonaccorti? Era uno dei volti più popolari di Canale 5. Intervistata dal settimanale Nuovo, la Bonaccorti ha rivelato di aver avuto, negli anni ‘70, una relazione con un artista nostrano famosissimo, al quale, poi, ha rivolto un appello…

(Continua a leggere dopo la foto)






”La prima volta che ho visto Renato Zero mi sono innamorata, subito – racconta -. Era bellissimo. Lo chiamavo ‘il mio angelo con le spalle larghe’ perché magro, sempre vestito di nero, con un viso celestiale e spalle ampie. Ho cominciato a stare accanto a lui tutto il mio tempo libero. Ogni sera che avevo la passavo con Renato. Lui veniva a casa mia, io andavo da lui, uscivamo sempre insieme e il nostro ritrovo era Piazza Navona, che noi chiamavamo ‘il nostro ufficio’. Ci ritrovavamo sempre ai tavolini di un bar a sognare il nostro futuro – continua – . Io facevo già teatro da un paio d’anni: ho iniziato questo lavoro a 19 anni e per molti anni ho fatto l’attrice di prosa in teatro e negli sceneggiati televisivi. Sognavo questo, ma anche tutto quello che era arte, musica, comunicazione. Avevo già scritto con Domenico Modugno ‘La lontananza’ e Renato aveva tanta di quell’arte dentro che doveva pur scoppiare da qualche parte!”.

(Continua a leggere dopo la foto)






Enrica Bonaccorti e Renato Zero trascorrevano dunque le notti a comporre canzoni: ”La notte componevamo canzoni, scrivevamo appoggiati al tavolo della cucina dei suoi genitori nella borgata della Montagnola, dove io lo riaccompagnavo con la Cinquecento di mia mamma perché non c’erano soldi per i taxi – ricorda la Bonaccorti -. E per come si conciava, era meglio che Renato non prendesse il bus! Era molto stravagante. A volte gli stiravo i capelli con il phon e lui mi obbligava a mettere addosso qualcosa di suo perché diceva che ero troppo classica. Ma spesso facevo finta di essere la sua agente e dovevo sembrare più matura. Mi infilavo in un abbigliamento da grande e presentavo l’artista Renato Fiacchini, il suo vero cognome. Insieme abbiamo fatto anche qualche spettacolino nei locali romani. Ci siamo divertiti parecchio: andavamo a ballare al Titan Club ed io ero gelosa di Loredana Berté perché lei era molto più libera di me. Io venivo da una famiglia piuttosto severa”.

Dopo aver raccontato questi aneddoti inediti sul rapporto tra lei e Renato Zero, Enrica Bonaccorti coglie l’occasione per rivolgere un appello all’artista: ”Tra noi c’è stato e c’è ancora molto sentimento. Con lui, con le sue sorelle, persino con Lucy Morante, altra donna importante della vita di Renato, io mi sento in famiglia. Abbiamo un legame che ci lega da 45 anni. Sarebbe bello fare qualcosa insieme. Chissà, se scattasse la scintilla, mi piacerebbe tanto un pezzo firmato da noi due per vedere la nascita di un progetto condiviso. Scrivere una canzone insieme sarebbe il figlio che non abbiamo mai avuto”.

Potrebbe anche interessarti: Altro che “il carrozzone”, Renato Zero parcheggia il suo Suv in zona vietata e gli mettono le ganasce. Ma lui non la prende bene ed ecco cosa fa

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it