“Mia moglie, incinta, stava morendo”. Il dramma di Rudy Zerbi: “Ero nello studio di Amici poi la corsa in ospedale”. E quando arriva lì…


 

“Un momento terribile, ero in studio con il cellulare spento e non potevo immaginare che stesse accadendo una tragedia. A un certo punto, gli assistenti hanno iniziato a farmi cenno di uscire, che qualcosa non andava. Io non capivo”. Un racconto drammatico, quello fatto da Rudy Zerbi alla testata Vanity Fair, attimi che gli hanno cambiato la vita per sempre.

(Continua a leggere dopo la foto)







Protagonista di questa storia terribile è la compagna Maria Sole, che all’epoca era al settimo mese di gravidanza. La donna, mentre era da sola a casa, ebbe un distacco totale della placenta, una condizione pericolosissima che può provocare rischi gravi sia per la madre che per il bambino che porta in grembo, fino addirittura alla morte. Quest’esperienza, Zerbi l’ha sperimentata sulla sua pelle e, mentre quest’incidente si verificava, lui era in televisione, con il telefono spento.

“Al settimo mese di gravidanza la mia compagna, Maria, ha avuto un distacco totale della placenta mentre era a casa da sola. Io ero in studio, con il telefono staccato. Gli assistenti hanno cominciato a farmi cenno di uscire, ma io dicevo: un attimo, abbiamo quasi finito. È dovuto venire il produttore a prendermi per un braccio. Quando sono arrivato all’ospedale le infermiere piangevano: stavano morendo sia Maria sia Leo. L’hanno fatto nascere in corridoio ma, una volta nato, aveva bisogno di cure speciali e solo pochi ospedali a Roma hanno le incubatrici per i prematuri gravi, e quel giorno erano tutte piene. Così ci hanno mandati al Casilino, un ospedale di periferia”.




“Lì – continua Rudy – mi sono reso conto che, nell’emergenza, chi fa la differenza sono proprio gli infermieri, gente che fa fatica ad arrivare alla fine del mese, che lavora, condivide e piange con te. I bambini che salvano diventano i loro figli, ti chiamano quando torni a casa, ti chiedono di mandare le foto, organizzano una festa all’anno per incontrare di nuovo i bambini salvati. Lì vedi la verità“.

Clicca su Next per continuare a leggere questa incredibile storia

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it