“Mi sento in colpa”. Morte Fabrizio Frizzi, la vip si confessa. Sono ore difficili per tutti, ma lei ha un motivo in più per stare male. Ha sullo stomaco quel peso che proprio non riesce a sopportare e ora, commossa, se ne libera


Fabrizio Frizzi è morto a 60 anni (compiuti a febbraio) per un’emorragia cerebrale. Il mondo della televisione italiana – anche se in realtà l’Italia tutta – è sconvolto di fronte a quella perdita terrificante. Fabrizio Frizzi aveva avuto un malore a ottobre, mentre registrava una puntata de L’eredità e, per alcune settimane, era stato ricoverato al Policlinico Umberto I di Roma. Poi, a dicembre, era tornato alla conduzione del programma dopo essere stato sostituito da Carlo Conti, collega e amico di Frizzi. Poi, però, quell’emorragia cerebrale improvvisa. La fine. Frizzi ha lasciato un vuoto immenso e in questi giorni non si fa che parlare di lui. Si sente la sua mancanza. Non ci si dà pace. Eppure è la realtà e va accettata. Il settimanale Chi diretto da Alfonso Signorini ha dedicato ben 8 pagine a Fabrizio nell’ultimo numero. Un omaggio a un grande professionista e grande uomo che si faceva amare da tutti. Tante le parole di affetto e stima che gli hanno dedicato amici e colleghi. Tra queste ci sono le parole di una collega, parole che arrivano dritte al cuore. Continua a leggere dopo la foto







Parliamo di Stefania Orlando, la showgirl che ha condotto insieme a Frizzi Piazza Grande. “Mi sento in colpa per non aver avuto il coraggio di chiamarlo durante la sua malattia” ha detto la showgirl. E ha aggiunto: “Ero sicura che lui non volesse farsi vedere sofferente, sarebbe stato in imbarazzo e perciò non ho potuto salutarlo”. Poi si lascia andare a un racconto del tempo che fu. “Io ero piccola, avevo la smania di arrivare e non vedevo l’ora di conquistare un’inquadratura in più. E lui, da persona grande, mi capiva”, ha aggiunto con un po’ di commozione. Tra quelli che hanno ricordato Fabrizio Frizzi, anche Max Biaggi, grande amico del conduttore scomparso che, per le sue grandi doti umane, aveva scelto anche come padrino di sua figlia Iris. Continua a leggere dopo le foto








 

Come l’ex campione di motociclismo ha raccontato al Corriere: “Era la parte razionale e riflessiva, io quella impulsiva. Dipendeva dal mio carattere, ma anche dal mio lavoro: il mio sport mi spingeva a reazioni immediate, a lottare, anche ad arrabbiarmi. Infatti lui me lo diceva spesso: Dovrei imparare da te, soprattutto quando devo fare un nuovo contratto. Tu combatti, sai trattare. E quando lo ha fatto era felicissimo: Max, ho tenuto duro e l’ho spuntata. Ho pensato a te…”. Bisogna imparare a convivere con questa assenza anche se veramente difficile da accettare. Ciao Fabrizio, ci mancherai.

“Cosa fecero per incastrarlo”. Fabrizio Frizzi, svelato “quel” segreto. Max Biaggi, molto amico del conduttore, decide di raccontare quella storia che risale ai tempi della crisi con Rita Dalla Chiesa e che in pochi conoscono. Su quell’aereo le cose andarono così

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it