Perché Striscia la notizia ‘massacra’ l’Isola dei famosi? Ora c’è la risposta. Vanno in onda sulla stessa rete, ma il tg satirico ha dichiarato ‘guerra’ al reality e ad Alessia Marcuzzi dal principio. E adesso è venuta l’ora di rompere il silenzio


 

Da quando è iniziata l’Isola dei Famosi, Striscia la notizia non ha mai smesso di attaccare Alessia Marcuzzi e la produzione del reality. Il canna-gate, poi, è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso: reality praticamente ‘massacrato’ ogni sera, tra fuorionda, dichiarazioni di ex naufraghi e filmati inediti. Addirittura la prova dal Var per distinguere, parola per parola, cosa ha risposto Francesco Monte quando Eva Henger l’ha accusato di aver fumato marijuana all’Isola. Insomma, quella portata avanti dal tg satirico di Antonio Ricci sembra una crociata. Ma, ci si è chiesti più volte in questi mesi, perché? Ora abbiamo la risposta. La fornisce la stessa Striscia a mezzo social, rispondendo a un post del giornalista Valerio Palmieri che accusa il tg di Ricci di aver superato i limiti con questa ‘inchiesta’. Di aver screditato troppo a lungo e in maniera ingiustificatamente dura Alessia Marcuzzi, chiedendosi come mai una trasmissione Mediaset stronchi così pesantemente un prodotto offerto dalla stessa emittente. Il giornalista del gruppo Mondadori ha scritto un lunghissimo post su Instagram che comincia così: “Ogni sera Striscia dedica almeno dieci minuti all’Isola dei famosi e alla sua conduttrice. Lo fa accusando il programma di ogni scorrettezza e il tutto si conclude con l’accusa alla Marcuzzi di essere ‘svicolona’ o ‘pinocchietta’ perché non denuncerebbe queste mancanze e, anzi, difenderebbe il programma, la produzione, gli autori, Canale 5. (Continua dopo la foto)



Palmieri si chiede quindi perché mai “Striscia si accanisca tanto su un programma della stessa azienda e della stessa rete, e perché insista a colpire una donna con accuse pesanti, pressanti, offensive della sua dignità”. A suo avviso lo scopo è “incrementare i propri ascolti e a battere finalmente ‘I soliti ignoti’ di Raiuno, perché il pubblico ama questi attacchi, ama la gente che litiga, ama le offese” e anche perché Striscia “ha in corso una guerra con Magnolia iniziata con il caso Masterchef”. Non è tardata ad arrivare la risposta di Striscia, sempre a mezzo social: “Valerio Palmieri smettila di diffondere fake news, tu e i tuoi compagni di merende. Quello che da sempre Striscia la notizia propone ‘è un lavoro di smontaggio, di messa a nudo di quei meccanismi che sono in grado di rivelare al telespettatore la natura di finzione della tv’ (così scrive Antonio Ricci nella prefazione al suo libro Striscia la tivù)”. (Continua dopo le foto)



Ogni sera “Striscia la notizia” dedica almeno dieci minuti all'”Isola dei famosi” e alla sua conduttrice, Alessia Marcuzzi. Lo fa accusando il programma di ogni scorrettezza, dal canna-gate, alle prove taroccate, dagli autori che fanno pressione sui naufraghi per le nomination ai privilegi tipo il telefonino sull’Isola o i cocchi in omaggio, il tutto si conclude con l’accusa alla Marcuzzi di essere “svicolona” o “pinocchietta” perché non denuncerebbe queste mancanze e, anzi, difenderebbe il programma, la produzione, gli autori, Canale 5. Ovviamente non manca mai il video in cui Alessia, nella sit-com” Così fan tutte”, mangia un wurstel, giusto per alludere (era già allusiva la gag, ma era in un contesto comico) a una certa disinvoltura sessuale della conduttrice. Ora mi chiedo, e ho il diritto di farlo, visto che non ho nulla da nascondere e nessun conflitto di interessi se non il fatto che voglio bene alla Marcuzzi, perché mai un programma come “Striscia” si accanisca tanto su un programma della stessa azienda e della stessa rete, e perché insista a colpire una donna con accuse pesanti, pressanti, offensive della sua dignità. La risposta è sempre la stessa, e cioé che “Striscia” può farlo perché è un programma libero che non guarda in faccia nessuno e bla bla bla, ma io la penso diversamente. Io penso che “Striscia” lo faccia perché grazie a questi attacchi personali e violenti riesce ad incrementare i propri ascolti e a battere finalmente “I soliti ignoti” di Raiuno, perché il pubblico ama questi attacchi, ama la gente che litiga, ama le offese. Credo che lo faccia perché ha in corso una guerra con Magnolia iniziata con il caso “Masterchef”. Credo che lo faccia perché alla fine questa è “televisione” e in tv è tutto una metafora, le veline mezze nude che ballano sono una metafora, due comici che anziché fare ridere attaccano una donna sono solo una metafora. Ma a me tutto questo fa schifo, e lo dico. Oltretutto perché arma quei subumani che insultano i personaggi famosi sui social, perché stravolge una realtà in cui le responsabilità sono altre, perché è lo specchio di un odio che sta distruggendo la nostra società.

Un post condiviso da Valerio Palmieri (@vapalm) in data:

@vapalm smettila di diffondere fake news, tu e i tuoi compagni di merende. Ti ricordiamo bene, dalla Panicucci, agli inizi del “canna-gate”, mentre provavi  miseramente a sminuire  e tentavi inutilmente di insabbiare ciò che fin da subito era evidente a tutti. Come è evidente la violazione del regolamento dell’Isola dei famosi, confermato anche dall’intervista a Chiara Nasti pubblicata proprio dal giornale per cui scrivi. Quello che da sempre Striscia la notizia propone “è un lavoro di smontaggio, di messa a nudo di quei meccanismi che sono in grado di rivelare al telespettatore la natura di finzione della tv” (così scrive Antonio Ricci nella prefazione al suo libro Striscia la tivù). Questo lavoro di “smontaggio” Striscia lo fa tutte le sere senza guardare in faccia a nessuno: trasmissioni Rai, Sky o Mediaset, non importa. Nel caso dell’Isola dei famosi, il canna-gate (tralasciando il fatto che in Honduras si rischiano fino a 20 anni di carcere) è solo uno dei grimaldelli che usiamo per smontare la finzione del reality e per mostrare i possibili inganni nei confronti dei telespettatori, nonostante le reticenze e i tentativi di insabbiamento di tanti come te. Ma a te, scrivi, “tutto questo fa schifo”. Certo, perché sei costretto a coltivare e ad allevare certi personaggetti  per poi poter scrivere ancora i tuoi articoli. Lo capiamo benissimo: i tuoi “conflitti di interessi” sono evidenti a tutti. Non inventare fantasiose guerre con Magnolia  e non nasconderti dietro la falsa difesa di Alessia  Marcuzzi: lei sa benissimo difendersi da sola e, anzi, avvocati come te rischiano solo di danneggiarla ulteriormente. Quanto agli “incrementi di ascolti”: se c’è qualcuno che, guardando l’Auditel, deve ringraziare  Striscia, quel qualcuno è l’Isola dei famosi. Ciao e tanti saluti alla parrocchietta.

Un post condiviso da Striscia la notizia (@striscialanotizia) in data:

 


E ancora: “Questo lavoro di smontaggio Striscia lo fa tutte le sere senza guardare in faccia a nessuno: trasmissioni Rai, Sky o Mediaset, non importa. Nel caso dell’Isola dei famosi, il canna-gate (tralasciando il fatto che in Honduras si rischiano fino a 20 anni di carcere) è solo uno dei grimaldelli che usiamo per smontare la finzione del reality e per mostrare i possibili inganni nei confronti dei telespettatori, nonostante le reticenze e i tentativi di insabbiamento di tanti come te”. E poi, rivolgendosi sempre a Palmieri: “Non inventare fantasiose guerre con Magnolia e non nasconderti dietro la falsa difesa di Alessia Marcuzzi: lei sa benissimo difendersi da sola e, anzi, avvocati come te rischiano solo di danneggiarla ulteriormente. Quanto agli ‘incrementi di ascolti’: se c’è qualcuno che, guardando l’Auditel, deve ringraziare Striscia, quel qualcuno è l’Isola dei famosi. Ciao e tanti saluti alla parrocchietta”. Fine. Tutto chiaro adesso?

“Nel seno! Lo nasconde lì”. Disastro Francesca Cipriani (e Isola dei Famosi, di nuovo nei guai). La ex Pupa si rotola nella sabbia ma basta una sola inquadratura a sputtanare tutto: il bikini si scosta e… Sbam! Tutto alla luce del sole