“Sei fr**, lo prendi nel c**”. Choc al reality, omofobia senza limiti. Vergogna e indignazione dopo il fattaccio in diretta tv, davanti a milioni di telespettatori. Poi quelle intimidazioni gravissime: “Ora prendo il bastone e…”. Davvero terribile


 

Ci lamentiamo tanto del nostro Paese, della svolta intransigente e di ultradestra, del razzismo e dell’omofobia. Ma uscendo dai nostri confini e guardandoci intorno, ci rendiamo conto che c’è chi sta addirittura peggio di noi. Eh sì, perché se sull’Isola dei Famosi italiana Craig ha accusato Franco di avergli detto che fa schifo in quanto gay, al Grande Fratello croato è successo qualcosa di molto più grave. Matija Stainer è appena uscito dalla casa del GF ed ha rilasciato delle interviste nelle quali ha rivelato di essere stato vittima di aggressioni fisiche e verbali. “Mi hanno chiamato ‘fro**o, femminuccia. Addirittura il primo giorno mi sono sentito dire ‘a questo piace prenderlo nel cu*o’. Poi prima che venissi eliminato Antonio mi ha detto ‘occhio, quando esci dalla casa guardati le spalle e attento a quello che racconti’. Sono stato aggredito fisicamente e la produzione non ha preso nessun provvedimento. L’unica volta che un autore è intervenuto è quando un concorrente ha dichiarato ‘adesso picchierò questo omosessuale con un bastone’.” (Continua dopo la foto)



Fortunatamente GayStarNews ha avvertito Endemol (che produce il GF in più di 50 paesi), che ha subito risposto: “Grazie, indagheremo su questa che ci sembra una vera urgenza”. Cosa sia successo davvero ancora nessuno lo sa con certezza. Da una parte c’è l’accusa formale di un concorrente che si è sentito umiliato, escluso e minacciato; dall’altra un manipoli di uomini e donne che, si suppone, non abbiano fatto nulla per evitare che capitasse questa incresciosa situazione. Poi si sa, negli ambienti chiusi, quando si è costretti a convivere forzatamente insieme a tante persone, può capitare di dire ogni tanto qualcosa che non si pensa o con l’unico fine di fare più male possibile. Eppure frasi del genere non possono e non devono essere tollerate, soprattutto se dette in tv e divulgate a milioni di telespettatori. Il messaggio che passa non è soltanto sbagliato, ma anche dannatamente pericoloso. (Continua dopo le foto)



 

I diritti LGBT in Croazia in questi ultimi anni, hanno fatto passi da giganti, ma la discriminazione e la violenza omofobica e transfobica non è di certo calata, specialmente negli eventi Pride. Tuttavia, le leggi contro la discriminazione sessuale e contro il crimine di odio sessuale riguardano entrambe le posizioni (omo e trans) e nel 2014 le coppie dello stesso sesso hanno ottenuto lo status equivalente al matrimonio eterosessuale, ad eccezione dell’adozione. Più o meno quello che è capitato in Italia con la legge Cirinnà e con l’esclusione della step-child adoption.

Ti potrebbe anche interessare: “Mi ha detto ‘sei gay? Che schifo’”. Craig Warwick choc da Barbara D’Urso. Isola dei Famosi, dopo la droga arriva pure l’accusa di omofobia. E il naufrago ‘sotto processo’ adesso rischia grosso