“Vi denuncio!”. La tv italiana ‘esplode’, altro che pace fatta. Tra Paola Perego e la Rai è guerra aperta. Una decisione, quella della popolare presentatrice, che arriva come un fulmine a ciel sereno e che ora rischia di cambiare tutto


 

L’ascia di guerra sembrava sepolta invece sembra proprio che tra Paola Perego e i vertici Rai non corra buon sangue. Tutta colpa, se di colpa si più parlare, della conduttrice che appena due giorni fa, con un tweet al vetriolo, ha annunciato di aver depositato al Tribunale di Roma un atto di citazione nei confronti di Raiuno per «danni di immagine, economici e biologici» a seguito di una vicenda che per giorni aveva monopolizzato le cronache televisive. Per chi non lo ricordasse l’accaduto, risale a pochi mesi fa quando il programma condotto dalla Perego: “Parliamone sabato” era stato chiuso dopo la messa in onda di un «vademecum sulle donne dell’Est Europa» che aveva scatenato polemiche sui social e discussioni sui giornali. A fronte di un servizio non particolarmente elegante né politicamente corretto (come tanti altri su tutte le tv generaliste italiane, peraltro), il provvedimento di chiusura era comunque apparso a molti come esagerato. A cominciare da illustri colleghi, come Paolo Bonolis, che aveva ravvisato altre motivazioni nella scelta della Rai. (Continua dopo la foto)








A, Lucio Presta, marito e manager della Perego ( e titolare della società Arcobaleno Tre che pare abbia formalmente sporto querela) che già nelle ore immediatamente successive la notizia aveva usato parole di fuoco contro i vertici della televisione di stato. Una storia che, nonostante gli attriti, non sembrava aver lasciato pesanti strascichi. Il nome delle Perego – a differenza dell’illustre trombato Giletti – Perego era di nuovo comparso nei palinsesti della stagione prossima ventura. Ora però, dopo questo atto giudiziario, ritorna tutto di nuovo in gioco. Da voci che circolano in Rai, scrive infatti il Giornale -si è venuto a sapere che poche settimane fa era stata offerta alla Perego la prospettiva di condurre su Raiuno ben 8 prime serate. (Continua dopo le foto)








 

Tra fine 2017 e metà 2018, le prime quattro tra dicembre e gennaio e le altre a fine primavera, probabilmente tra maggio e giugno. Ora sembra evidente che questa prospettiva sia destinata a entrare in stand by. In sostanza – ed è comprensibile – è difficile immaginare nuove forme di collaborazione in presenza di una vicenda giudiziaria che riguarda proprio l’ultima, recente, collaborazione. Ed è probabile, o quantomeno ipotizzabile, che Viale Mazzini decida di reagire con una azione risarcitoria a fronte dell’esposto in Procura presentato da Arcobaleno Tre.

“Topless per Paola Perego”. La conduttrice si lascia alle spalle una stagione tv da dimenticare e si gode il relax al mare. Lì ecco che ‘sparisce’ il pezzo sopra del bikini. Ha 51 anni, ma a quanto pare solo per l’anagrafe: la foto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it