“Pianti tutte le sere”. Pier Silvio Berlusconi, le lacrime di uno degli uomini più importanti e potenti d’Italia: “Cosa è successo nella mia vita”. E chi se lo sarebbe mai aspettato


 

Una versione di Pier Silvio che tutti ignoravano. Un lato sensibile e delicato quello dell’amministratore delegato di Mediaset. “Un incubo, piangevo tutte le sere”. Dietro i sorrisi e i successi, Pier Silvio da sempre nasconde un dramma privato. Il momento in cui la sua vita è stata stravolta e da ragazzo, per giunta “figlio di”, è dovuto diventare uomo in fretta. Parliamo del 26 gennaio 1994, data storica in cui suo padre, Silvio, ha annunciato all’Italia la sua “discesa in campo”. “A un certo punto mio padre è scomparso, non l’ho più visto. Da un giorno all’altro è sparito”, ha confidato il vicepresidente Mediaset a Repubblica, a margine della presentazione dei prossimi palinsesti. “Quando mio padre scelse la politica scomparve dall’azienda. Era sempre stato così presente. Ricordo quel periodo come un incubo”. “Camminavo nei corridoi – continua Pier Silvio, oggi 48 anni – e le persone uscivano dalle stanze. Venivano da me e mi chiedevano: allora qui che facciamo? Andiamo avanti con questo progetto? Io mantenevo i nervi saldi ma quando tornavo a casa piangevo. Ho pianto tutte le sere“. “Lo so, è imbarazzante – conclude -. Ma è la verità. Ero giovane. Sono cresciuto: oggi sono un’altra persona”. (Continua dopo la foto)







Per quanto riguarda i nuovi palinsesti Mediaset, “tre piccole ma buone notizie”. A Montecarlo, il vicepresidente Pier Silvio Berlusconi parte da lì, ad annunciare l’acquisto del canale 20 del digitale terrestre (con una programmazione ancora da studiare); l’acquisizione di Radio Subasio, l’emittente più ascoltata del Centro Italia, che entra così a far parte del megagruppo Radiomediaset; il ritorno a Cologno della Gialappa’s, a cui saranno affidate nuovamente Le Iene, oltre a un nuovo “laboratorio della comicità”. Di possibili “grandi notizie”, invece – come sarebbe potuto esserla l’arrivo di Massimo Giletti dalla Rai, per esempio -, Berlusconi Jr non fa menzione e, su richiesta, esaurisce l’argomento con un laconico: “Giletti è un ottimo professionista con un buon potenziale, ma so che stanno andando avanti i colloqui con la Rai”. Pier Silvio nega anche ogni offerta o trattativa con Fabio Fazio, il quale, dopo una lunga negoziazione con i vertici di Viale Mazzini, alla fine comunque resterà in Rai: “Non siamo stati noi ad avergli offerto un contratto”, dice. “Non siamo arrivati a formulare un accordo con lui, anche perché sono sempre stato convinto che sarebbe rimasto in Rai”. (Continua dopo le foto)





 

A parte il ritorno “a casa” di Gialappa’s Band e Nicola Savino, dunque, su Canale 5, Italia Uno e Rete Quattro in autunno non ci aspetteranno grandi rivoluzioni, almeno per quanto riguarda programmi e conduttori. Torneranno infatti tutti gli appuntamenti fissi e i volti noti di daytime e prime serate (da Mattino Cinque a Tu Sì Que Vales, da Forum a C’è posta per te, passando per Grande Fratello Vip e Isola dei Famosi), mentre oltre a Caduta Libera e Avanti un altro nel preserale debutterà il nuovo quiz-show The Wall, adattamento di un format NBC condotto da Gerry Scotti. Poi Surviving Africa, nuovo reality di sopravvivenza con vip, sarà in onda come previsto su Italia Uno, ma a guidarlo non sarà Raz Degan come era stato anticipato. Paolo Bonolis tornerà con una versione “evoluta” sia del Senso della vita su Italia Uno, sia di Chi ha incastrato Peter Pan su Canale 5.

Ti potrebbe anche interessare: “È tutto deciso, anche se lo tengono segreto”. Ma segreto non è più dopo questa spifferata su Silvia Toffanin e Pier Silvio Berlusconi. E il super gossip sulla coppia d’oro della televisione è servito. Con tanto di dettagli

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it