L’ultimo desiderio di Paolo Limiti. La morte del conduttore ha rattristato i tanti fan che lo seguivano e il mondo dello spettacolo, che lo piange. Il grande mattatore della tv conservava ancora un sogno, ma il cancro se lo è portato via prima


 

Un dispiacere grandissimo per tutti. Questo è stata la morte di Paolo Limiti, morto a 77 anni per un cancro che non gli ha dato tregua e che alla fine lo ha sconfitto. Appena saputo della malattia, il conduttore aveva subito capito che le speranze di farcela erano difficili. Nonostante ciò, ha combattuto fino all’ultimo momento per realizzare il suo più grande sogno, un desiderio che portava nel cuore da un po’, ma che per un motivo o per l’altro ancora non era riuscito a esaudire. Voleva tornare in tv con una sorpresa speciale: con uno dei programmi di musica amarcord o “vintage” di cui lui era stato un geniale precursore. Ma purtroppo Limiti, conduttore, compositore e uomo di spettacolo educato e garbato come ce ne sono pochi, ha detto addio al mondo prima di poter dare vita al suo sogno, ma (come sostiene chi gli è stato vicino) ancora con la speranza nel cuore di farcela e di riuscire a tornare, magari a gennaio del 2018, in tv. Chi lo conosceva bene sa bene che l’assenza dalla televisione era per lui un peso, infatti chiamava spesso amici e colleghi per sapere se il suo rientro fosse possibile. Ma recentemente Limiti aveva capito che non sarebbe più tornato in video. (Continua a leggere dopo la foto)



La classe del conduttore e il genio dell’artista rimarranno sempre indimenticabili e quel suo modo di fare tv resterà per sempre un esempio da seguire. Paolo Limiti era nato a Milano l’8 maggio del 1940 da mamma siciliana a cui era legatissimo e papà impiegato alla Pirelli. Apparteneva alla piccola borghesia proveniente dal sud trapiantata al nord e il suo estro è stato visibile da subito. Si è fatto conoscere come paroliere di Mina scrivendo per lei canzoni meravigliose che diventeranno una delle pietre miliari della storia musicale contemporanea come Bugiardo ed incosciente o La voce del silenzio. Aveva una grandissima passione per ricordi, aneddoti, storie o segreti dello spettacolo e ha fatto diventare tutto ciò un ‘lavoro’, raccontando in tv tutto quello che sapeva con dei bellissimi speciali su Claudio Villa, Maria Callas o Wanda Osiris per cui lui nutriva un amore assoluto. (Continua a leggere dopo le foto)



 

 

Ciao Paolo ….quanto bene ci siamo voluti …quanto mi mancherai ????????????????????????????RIP#paololimiti

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier) in data:

 

Limiti era molto riservato e poco si sapeva della sua vita privata, per cui quando sposò la soubrette americana Justine Matterà non si seppe mai davvero se fu amore oppure no. Lavorarono insieme in tv, a quell’epoca Limiti, come ricordano affettuosamente gli amici Mara Venier e Nicola Carraro (i primi a dare notizia della morte postando una foto di Mara con Paolo su istagram) era felice. L’ultimo programma fu nel pomeriggio del 2012, a volerlo fu Paolo Romani, potente uomo della tv, l’uomo che aveva inventato Colpo grosso. Accanto a lui Nancy Squitieri, talentuosa violinista che aveva suonato nelle trasmissioni di Maurizio Costanzo. Dopo, null’altro, solo ospitate, comparsate, ma il suo ricordo non si spegnerà.

Ti potrebbe interessare anche: Gaffe di Massimo Boldi sulla morte di Paolo Limiti. Le parole dell’attore sono arrivate sul web come uno tsunami: il web (che non dimentica) non lo ha perdonato, inondandolo di critiche. Poi ritratta, ma la frittata era ormai fatta