“Vi prego, statemi vicini…”. Mai sentita una Franca Leosini così. La confessione della conduttrice su Facebook che lascia di sasso tutti i fan. Che non se l’aspettavano minimamente


 

Sarebbe dovuto tornare su Rai3 alla fine di questa primavera e invece la nuova stagione di Storie Maledette, il programma cult condotto da Franca Leosini, slitta al prossimo autunno. Lo annuncia la stessa conduttrice e autrice della trasmissione che si occupa di interviste inedite sui casi e le inchieste giudiziarie italiane che hanno fatto più scalpore, Franca Leosini. Motivo del rinvio? Da ricercare nella complessità dei casi che la Leosini sta trattando per poi proporli al suo pubblico affezionato. Scrive la giornalista sul profilo Facebook ufficiale di Storie Maledette: “Amici miei carissimi, è con decisione meditata, dovuta massimamente all’importanza e alla complessità dei “casi” che ho in corso di preparazione, che la nuova serie di “Storie Maledette” andrà in onda a fine autunno. Vi prego di non smettere di starmi vicino. Stringo tutti in un forte abbraccio. Franca”. Lo aveva spiegato tempo fa, d’altronde: essendo l’unica autrice delle storie tramite le sue argute interviste, il lavoro sui singoli casi è enorme e decisamente complicato. (Continua a leggere dopo la foto)



Come sanno bene i fan di Storie Maledette, infatti, è la Leosini in persona ad occuparsi delle interviste e a leggere le carte processuali, quindi i tempi di lavorazione, spesso anche in virtù di aggiornamenti su processi e vicende legali, possono rivelarsi molto più lunghi del previsto. Bisognerà dunque aspettare solo qualche mese per vedere in tv Storie Maledette, che è uno dei casi televisivi delle ultime stagioni. Franca Leosini lo conduce dal lontano 1994 ma la sua carriera ha radici ben più lontane. Classe 1934, dopo la laurea in Lettere Moderne, comincia a lavorare per la sezione culturale de l’Espresso, dove firma diverse inchieste e interviste. Ma la più famosa e controversa è quella del 27 gennaio 1974, quella intitolata Le zie di Sicilia, in cui Leonardo Sciascia accusava le donne dello sviluppo della mafia. (Continua a leggere dopo la foto e il post)


 

Successivamente Franca Leosini diventa direttrice del mensile Cosmopolitan per poi curare la “terza pagina” de Il Tempo. Con la Rai collabora dal 1988, cioè da quando diviene autrice di Telefono giallo, condotto da Corrado Augias. Poi arrivano i programmi Parte Civile, I grandi processi e Storie Maledette. A partire dal 2015, poi, quest’ultima sua trasmissione ha ricevuto un’attenzione mediatica enorme, complici le domande esplicite e argute che la Leosini, sempre con garbo, rivolge ai suoi ospiti. Come la famosa intervista televisiva a Rudi Guede, che ha contribuito a far diventare la Leosini un’icona apprezzata anche dai giovanissimi.

“In ognuno di noi ci può essere una storia maledetta”. Maestra del giornalismo, icona gay dal fascino antico e dal linguaggio ricercato. Franca Leosini si confessa: “Piango davanti al male”