“Sì, stiamo insieme”. Amici 2017, tra i due compagni di banco è scoccata la freccia di cupido e lo studio si scioglie in un lunghissimo applauso. Ma la gioia dura poco


 

E alla fine l’amore è scoccato. Libero, forte e senza filtri. A far venire a galla quello che già si sospettava da tempo è stata Simona Ventura che ieri sera, mentre Maria De Filippi raccontava la vita delle due squadre nelle casette, ha iniziato a punzecchiare Mike Bird e Shady. Dapprima lavorandoli alle corde, poi affondando il colpo in maniera decisa. Senza peli sulla lingua ha chiesto: “Ma c’è una storia tra i due?”. È il pubblico a rispondere in coro: “Sì”, compreso il grande Diego Armando Maradona, ospite della puntata. Shady si schernisce, mentre Mike ammette: “Non oserei mai contraddire Maradona”. Insomma, la freccia di cupido è scoccata. Peccato che poco dopo la gioia si sia trasformata in tristezza. La settima puntata di “Amici” ha visto le due squadre sfidarsi in due manches ciascuna articolata in cinque prove di canto e di danza. La prima manche se l’è aggiudicata la squadra bianca, grazie alle esibizioni dei cantanti Thomas “Normalità”e Mike e del ballerino Sebastian. (Continua dopo la foto)



La seconda manche, riporta rockol, è stata invece vinta dalla squadra blu, grazie ai punti conquistati dal duetto della cantante Federica con Elisa su “Empire state of mind” e a due coreografie eseguite dal ballerino Andreas. A finire a rischio eliminazione è stata la cantante della squadra bianca Shady. Nel ballottaggio finale Riccardo e Shady hanno eseguito ciascuno cinque brani: Riccardo ha proposto gli inediti “Ti luccicano gli occhi”, “Sei mia”, “Diverso” e le sue cover di “Senza fine” (Gino Paoli) e “E penso a te” (Battisti-Mogol). (Continua dopo le foto)


 


 

Shady ha risposto cantando i suoi inediti “Last walk” e “Louboutin” e le cover di “Rolling in the deep” (Adele), “Hide and seek” (Imogen Heap) e “Mi sono innamorato di te” (Luigi Tenco). Il voto congiunto di direttori artistici, professori e giudici ha decretato l’eliminazione di Shady.

“Non si può morire così, a soli 13 anni”. Un tragico gioco in diretta Facebook, di fronte agli amici che lo seguivano in rete. Ma qualcosa va storto e di colpo quel video scherzoso si trasforma in una morte, in streaming, senza spiegazioni