Patrick Swayze è morto nel 2009. Per tutti icona dei film degli anni ’80 e ’90. Da ”Dirty dancing” a ”Ghost”, ha fatto sognare generazioni di ragazze. Forse non tutti lo sanno: ecco la causa della sua morte


 

Ti potrebbe interessare: l’Amore di una Mamma Può Tutto. Il Video Più Visto del Momento…

Con quella frase, “Nessuno può mettere Baby in un angolo”, Patrick Swayze ha fatto sognare generazioni di ragazze. Chi l’avrebbe detto che combinare una storia d’amore con dei “balli proibiti” avrebbe creato uno dei pilastri della storia del cinema? A trent’anni dall’uscita del film con Patrick Swayze la ABC è pronta a rilasciare un remake. Abigail Preslin e Colt Prattes saranno i protagonisti di questo remake. Protagonisti di quei balli proibiti sono Jennifer Gray, l’indimenticabile Baby, e Patrick Swayze. Il film è stato una maledizione per i due attori protagonisti: la Gray non è mai riuscita a togliersi l’etichetta di ‘Baby’ mentre Swayze ha dovuto aspettare un altro ruolo importante, come quello di Ghost, per superare Johnny Castle. Come detto Swayze raggiunge la fama mondiale nel 1987 con ”Dirty Dancing”, poi si cimenta con pellicole come ”Alba d’acciaio”, ”Vendetta trasversale” e ”Il duro del Road House”. (Continua a leggere dopo la foto)








Nel 1990, dopo il rifiuto di celebri attori come Bruce Willis e Tom Hanks, torna a film dal sapore più romantico interpretando il fantasma Sam Wheat in ”Ghost – Fantasma”, nel ruolo spettro che protegge una giovane Demi Moore dal suo killer. La sua carriera dell’attore si interrompe (anche a causa di problemi di alcol) e a parte qualche comparsata in tv, ruoli nei musical l’attore finisce nell’oblio. (Continua a leggere dopo le foto)






 

Patrick Swayze aveva annunciato nel marzo del 2008 che soffriva di una forma avanzata di cancro del pancreas. Era stato ricoverato in ospedale in gennaio per una polmonite e i medici hanno scoperto il tumore. Il cancro del pancreas è uno dei tumori più letali con soltanto un malato su dieci che riesce a sopravvivere a cinque anni dalla diagnosi. Inoltre si estende rapidamente agli altri organi, ciò che in numerosi casi lo rende inoperabile. La sua battaglia contro il grande male si era conclusa il 15 settembre del 2009.

Lutto a Hollywood, dopo una lunga malattia, se ne è andato proprio lui. Indimenticabile la sua parte in ”Ghostbuster”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it