”Carlo Cracco? Vi dico io chi è”. Bomba-Bastianich, il giudice di Masterchef a ruota libera. Asfalta l’ex collega (che ha deciso di abbandonare il talent di cucina) e non gliele manda a dire: le sue parole sono più taglienti di un coltello


 

A una settimana dalla fine della sesta edizione di Masterchef Italia che ha visto trionfare il giovane Valerio Braschi comincerà stasera Celebrity Masterchef, la prima edizione del talent culinario in cui si sfideranno le star della tv italiana. Joe Bastianich, alla vigilia dell’inizio della prima stagione di Celebrities Masterchef, parla a ruota libera a Il Fatto Quotidiano, spiegando come vede il programma che da 7 anni lo vede proiettato sul piccolo schermo e, in particolare, qual è il suo rapporto con i colleghi. “Siamo amici, lavoriamo insieme ma abbiamo opinioni diverse, che ci sta. Bruno Barbieri a volte è troppo purista e mi incazzare, Antonio Cannavacciuolo parla napoletano e non si capisce un cazzo. Carlo Cracco è un presuntuoso”. E sulla decisione di Cracco di lasciare il programma risponde senza mezzi termini: “Morto un papa se ne fa un altro”. Il giudice italo-americano ha dichiarato che l’edizione di Masterchef in versione vip sarà un’esperienza interessante perché “non essendo italiano, non vivendo nella cultura italiana sono tutti anonimi”. (Continua a leggere dopo la foto)






Conosce solo, tra i tanti, Maria Grazia Cucinotta “per averla vista nel film Il Postino, per cui sono tutti concorrenti come altri, non sono vip”. Ai fornelli si sfideranno persone come Mara Maionchi, Alex Britti e Filippo Magnini. Insomma, se ne vedranno delle belle. Bastianich non è uno chef ma un imprenditore e figlio d’arte, sua mamma è la famosa Lidia Bastianich, che riesce a fare mille cose senza mai stancarsi: segue i suoi ristoranti, la sua azienda vinicola, è autore, critico, rocker, marito, padre e fratello.

(Continua a leggere dopo le foto)








 

”Seguo sempre il naso, – ha ribadito nell’intervista – faccio le cose con passione e cerco di farle bene. Mi creo degli obiettivi e mi alleno. Certo la mia giornata è piena, ma la vita è una sola: possiamo dormire quando siamo morti”. Durante l’intervista, Bastianich ha anche spiegato l’origine dell’ormai famoso “vuoi che muoro”. ”La nonna Erminia ha 97 anni, parla un misto tra dialetto veneto, triestino e inglese e si permette di inventare le parole nella storia. Da lei ho imparato che non ci si deve fermare al vocabolario”. Questione di famiglia.

Bello è bello. Tenebroso pure, ecco perché piace assai alle donne. È grazie a Masterchef che è esploso il ”fenomeno Carlo Cracco”, ma nei nostri sogni perché è innamoratissimo. Ed ecco chi è sua moglie

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it