Rivoluzione Masterchef, dopo le inchieste di Striscia il vincitore rischia grosso…


 

Masterchef, e ora anche Magnolia vuole vederci chiaro. Dopo la campagna portata avanti da Striscia la Notizia e i dubbi sollevati da concorrenti e telespettatori, la società produttrice del reality fa sapere che: “Crediamo che in questo, come in altri casi, proprio in funzione del rispetto assoluto delle norme, del buon nome di MasterChef, dei partecipanti alla gara, del pubblico del programma, ma anche dello stesso Callegaro, la verità dei fatti debba essere accertata in modo oggettivo ed eventualmente nelle sedi competenti. Per questa ragione Magnolia, in qualità di società produttrice del programma, pur proseguendo le proprie verifiche per vie ufficiali, si sente comunque parte lesa e si riserva di prendere ogni opportuno provvedimento”.

Nella puntata di Striscia la Notizia andata in ieri sera, i sette concorrenti che si sono rivolti all’avvocato vincitore della seconda edizione di MasterChef, Tiziana Stefanelli, hanno chiesto a Stefano Callegaro (il vincitore della quarta edizione) e a Magnolia di fare chiarezza. Sono stati esauditi, ma solo per metà. La società è finalmente intervenuta: “La mancanza dei requisiti richiesti o qualunque altra supposizione devono essere ovviamente provati e, ad oggi, i dubbi mossi sulla regolarità della posizione di Stefano Callegaro non disegnano un quadro tale da poter procedere ad una squalifica, risultando incompleti e contraddittori”. Ma, intanto, Magnolia ammette la necessità di fare chiarezza. Ed è la prima volta che lo dice pubblicamente.

Ti potrebbe interessare anche: Masterchef, nuovo colpo di Striscia: “Il vincitore è un cuoco professionista e Sky sapeva…”







Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it