Ufo, rivelazioni choc. “Gli alieni? Ecco dove sono, da 40 anni sappiamo che esistono”. A parlare è un informatissimo scienziato della Nasa

 

Gli alieni esistono. E, a quanto pare, l’uomo li ha già scoperti 40 anni fa, pur senza accorgersene. È la teoria, suggestiva e intrigante, di Glibert Levin, convinto che i microrganismi marziani, di fatto, ci stiano prendendo in giro ormai da 40 anni. Il signore è altrettanto convinto che su Marte la vita ci sia, eccome. Gilbert Levin per chi non lo sapesse, è l’uomo che ha ideato gli esperimenti a bordo dei Viking, le sonde della Nasa che proprio 40 anni fa, nell’estate del 1976, realizzarono una missione storica, dalla quale discendono tutte quelle successive.

Un cervellone della Nasa, dunque, il signor Levin, che oggi ha 92 anni e racconta la sua teoria a La Stampa, in una lunga e strepitosa intervista: lui è l’ultimo sopravvissuto di quella eroica generazione di ingegneri spaziali.


(continua dopo la foto)

{loadposition intext} 

Alla base della sua teoria, il test Labeled Release: “L’esperimento Lr – spiega al quotidiano torinese – era basato su un procedimento simile a quello usato per il controllo dell’acqua potabile e al quale, credo si ricorre anche in Italia. Un piccolo campione d’acqua viene iniettato in una provetta di liquido nutriente: se ci sono dei microrganismi, questi metabolizzano i nutrienti stessi e sprigionano bolle di gas che rappresentano la prova della contaminazione microbica”. Levin spiega che “al terreno marziano (rispetto alla versione “terrestre”,ndr) ha aggiunto solo più nutrienti, nella speranza che almeno uno di questi venisse metabolizzato, e li ha contrassegnati con il carbonio radioattivo, così da rendere i gas liberati più facili da individuare”.

E ” quando a una minuscola porzione di terreno del pianeta venne iniettata del nutriente radioattivo, si notò che subito venivano emessi dei gas. Il processo – ricorda – si verificò con grande rapidità per i primi tre giorni e poi, più lentamente, nel corso dei successivi quattro dell’esperimento. Questo risultato, da solo, sarebbe considerato una prova dell’esistenza di microrganismi viventi da parte di qualunque ente sanitario. Tuttavia, volendo essere più cauti, aggiungemmo un ulteriore elemento di controllo”. Qui, se possibile, il discorso si fa ancora più complesso. Questo elemento era “un trattamento approvato dalla Nasa in grado di uccidere qualunque microrganismo presente, ma tale da non distruggere i possibili agenti chimici alla base del responso positivo. Applicammo questo controllo cruciale e risultò negativo, soddisfacendo così i criteri per l’individuazione delle vita”.

(continua dopo la foto)

Vita su Marte, dunque. Ma c’è un grosso “però”. Continua Levin: “Sebbene sul Viking ci fossero tre apparati per la ricerca della vita, il test Lr è stato l’unico a dare una risposta positiva dal punto di vista biologico. Nel selezionare i test, tuttavia, la Nasa aveva spiegato che erano tutti diversi tra loro e che, se ci fosse stata vita su Marte, sarebbe stato sufficiente l’esito favorevole di uno solo. Mentre il nostro esperimento utilizzava l’acqua, gli altri non lo prevedevano”.

Dunque, l’ingegnere aggiunge di aver compreso con esattezza che su Marte erano presenti forme di vita soltanto dieci anni dopo. Poi, dopo altri sette anni, “sono arrivato alla conclusione che il test Lr abbia davvero individuato attività microbica sul suolo marziano”. Poi, spiega Levin, a sostegno del test sono arrivati i dati della sonda Phenix e delrover Pathfinder e Curiosity. La disputa, negli anni, si è giocata dunque sull’attendibilità del test Viking. Per dimostrarla, Levin sta lavorando a stretto contatto con l’astrobiologo Barry Di Gregorio: insieme stanno conducendo uno studio specifico su rocce marziani. “Sebbene la Nasa avesse respinto in un primo tempo l’idea, lo studio è iniziato solo nel maggio 2016 (…). Al momento, però, la Nasa non ha reso noto alcun risultato”. Dunque, Levin conclude spiegando che è solo questione di tempo, poi arriverà l’annuncio ufficiale.

“Sono sicuro che ci sia vita su Marte. Deve essersi adattata per colonizzare il pianeta, proprio come mi è avvenuto sulla Terra. Mi sorprendono quegli scienziati che non credono che Darwin funzioni anche su Marte!”.

“Alieni, Obama sta per annunciarlo al mondo”. L’indiscrezione bomba fa il giro della rete, dichiarazioni che potrebbero riscrivere la storia dell’umanità. Cosa dirà il presidente Usa (e il mistero dell’Area 51)

Pubblicato il alle ore 14:54 Ultima modifica il alle ore 11:31