Amazon, la Cnn: “Alcuni prodotti ‘basic’ sono pericolosi, esplodono all’improvviso”


La Cnn ha affermato che alcuni prodotti Amazon Basic sono pericolosi: si tratta di un forno a microonde che esplode, cavetti usb e prese multiple per la corrente che si squagliano e vanno in fumo, caricatori per batterie da auto che prendono fuoco. Questa è la fine che diversi prodotti venduti dal marchio Amazon Basics hanno fatto improvvisamente negli ultimi anni. Lo segnala la Cnn in un lungo servizio video dove vengono riprese 1500 recensioni pubblicate dal 2016 ad oggi nelle quali viene evidenziato il malfunzionamento di oltre 70 prodotti della suddetta linea del grande marchio statunitense.

Ma specifichiamo: sono migliaia gli articoli venduti da Amazon Basics, ma il numero si restringe parecchio se si cerca solo nel settore elettronica. La Cnn ha spiegato che circa 30 articoli continuano a risultare disponibili nonostante le multiple segnalazioni di pessimo funzionamento. Amazon è stata così costretta ad ammettere che otto di questi prodotti erano finiti sotto la lente d’ingrandimento del reparto sicurezza, ma che alla fine avevano rispettato i criteri di sicurezza. (Continua a leggere dopo la foto)






La differenza sta nel fatto che mentre dal 2009 sono stati soltanto due i richiami ufficiali di articoli Amazon Basics. Le storie raccontate dalla Cnn non sono mica da ridere. C’è il tizio che stava usando il microonde quando all’improvviso l’elettrodomestico è scoppiato come una bomba; c’è un altro signore che racconta del cavetto usb che ha preso fuoco da solo facendo andare a fuoco la poltrona ergonomica dove era seduto e soprattutto dove si era appisolato. (Continua a leggere dopo la foto)








“Monitoriamo attivamente le recensioni dei clienti, nonché le richieste dei clienti per qualsiasi feedback relativo alla sicurezza e intraprendiamo le azioni necessarie”, hanno spiegato dal quartier generale Amazon all’inchiesta della Cnn. Poi hanno spiegato nei dettagli le misure dei protocolli qualità degli articoli: dai criteri di selezione dei produttori allo svolgimento dei test di laboratorio, fino al monitoraggio dei feedback. (Continua a leggere dopo la foto)

 


L’emittente televisiva statunitense segnala però che il colosso di Jeff Bezos vende articoli elettronici ed elettrodomestici sviluppandoli direttamente con un produttore o mettendo il proprio marchio su prodotti già esistenti. Chiaro che in questo secondo caso “Amazon abbia meno informazioni sul processo di produzione e sia meno coinvolta nei test di qualità e sicurezza”, ha raccontato alla Cnn, un ex product manager della compagnia.

Ti potrebbe anche interessare: “Mi stanno dicendo cose brutte”. Albano Carrisi, l’argomento è il più scottante e il cantante decide di chiarire tutto

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it