WhatsApp down, la app di messaggistica ha smesso di funzionare


WhatsApp down in tutto il mondo per oltre 30 minuti, l’app non ha funzionato per motivi al momento ignoti. A partire dalle 22 sono arrivate numerose segnalazioni attraverso la piattaforma Twitter legate a forti difficoltà nell’inviare e ricevere messaggi tramite WhatsApp. La connessione sembrava andare e venire da un momento all’altro. L’ultimo “crash” è datato 2 aprile 2020 quando la popolare applicazione di chat presentò diversi problemi per quanto riguarda la ricezione e l’invio di foto e video.

A confermare il guasto momentaneo sono state anche le segnalazioni sul sito DownDetector, che monitora il funzionamento ed eventuali down nelle applicazioni e nella rete fissa e mobile, dove nel giro di pochi minuti sono arrivate oltre 20mila segnalazioni. (Continua a leggere dopo la foto)






L’hashtag #whatsappdown si è impennato nei trend in pochissimo tempo raggiungendo la vetta con oltre 15mila tweet. Effettivamente l’app sembrava mostrare evidenti problemi di connessione. Al momento non sono arrivate comunicazione ufficiali in merito. (Continua a leggere dopo la foto)






A giudicare dalla provenienza dei tweet il problema non sembra sia stato limitato all’Italia ma avrebbe coinvolto diverse nazioni. L’inconveniente ha colpito anche la versione desktop dell’app. E c’è anche qualche studente che non l’ha presa benissimo: “Mi sembra giusto #whatsappdown la sera prima dell’esame quando una mia amica mi stava spiegando il programma, GRAZIE ZUCK”, ha scritto una ragazza su Twitter. (Continua a leggere dopo la foto)



 


Diversi anche i meme e le prese in giro. Inutile dire che non tutti invece l’hanno presa male. Qualcuno si è rivoltato sui social, qualcuno ha semplicemente messo il telefono da parte e ha acceso la tv, qualcuno è direttamente andato a letto. Insomma, ricordiamoci sempre che non è poi così fondamentale per vivere bene…

Ti potrebbe anche interessare: “Ma che significa?!”. Francesco Totti, la foto al mare è una bomba, ma i fan notano un curioso particolare

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it