WhatsApp: la simpatica novità che sta spopolando tra gli utenti


Da qualche giorno le nostre chat sono intasate da questi volti più o meno simili alle facce dei nostri amici. Si tratta di un’esclusiva di Apple: si chiamano Memoji e sono la versione “me“, perché rappresenta noi stessi (o almeno ci assomiglia, se avremo la pazienza di personalizzare a fondo la Memoji), e 3D degli Emoji classici, e una evoluzione degli Animoji (le faccine a tema animale). Sono disegni tridimensionali del nostro volto creati dagli ultimi iPhone, che a partire da iOS 13 possono essere inviati anche tramite app di terze parti, come ad esempio WhatsApp.

E da queste app, anche chi non ha un iPhone, può poi salvare e ricondividere queste immagini con altri contatti. Ma prima di condividerli, i Memojii vanno creati e personalizzati. La cosa è esplosa da quando Apple ha rilasciato iOS 13, il 19 settembre 2019, a poco a poco le chat negli smartphone di mezzo mondo (compresi quelli Android). Continua a leggere dopo la foto








Purtroppo però, meglio ribadirlo, le Memoji sono una esclusiva di Apple: solo chi ha un iPhone (dal 6 in poi, perché è necessario iOS 13) può realizzarle tramite l’app iMessage. Chi invece ha un iPhone precedente o uno smartphone Android non ha alcun modo di realizzare una Memoji: al massimo può creare una faccina simile, usando altre app come Zepeto o Samsung Emojii AR. Continua a leggere dopo la foto





Per crearle è facile: dopo aver aperto l’app di iMessage, e aver fatto tap sul menu con i tre puntini, dobbiamo scegliere “Nuova Memojii“. Poi dovremo personalizzare la faccina con colore della pelle e degli occhi, la forma del viso, delle labbra, delle sopracciglia, i denti, barba e capelli e altri dettagli “accessori” come ad esempio eventuali gioielli o cappelli. Continua a leggere dopo la foto


 


Alla fine del percorso verrà creata la Memojii definitiva: in 3D su iPhone X, in 2D su tutti gli altri smartphone di Apple. Con gli iPhone X e gli Pad Pro da 11 pollici o da 12,9 pollici, è possibile creare Memojii animate. A questo punto, dopo aver terminato la nostra Memoji, potremo inviare il risultato ai nostri amici tramite WhatsApp (o altre app di messaggistica istantanea).

Ti potrebbe anche interessare: “Spingi…”. Imbarazzo a Eurogames, il gioco si fa ‘piccante’. E il pubblico non si trattiene

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it