WhatsApp, messaggio inviato e cancellato? Si può recuperare. Ecco come


È tempo di grandi cambiamenti per WhatsApp: all’interno di un’intervista di Forbes con uno dei co-fondatori di WhatsApp, Brian Acton, vengono svelate alcune informazioni molto interessanti sul futuro della piattaforma di messaggistica e sull’arrivo delle pubblicità all’interno dell’app. WhatsApp, dunque, potrebbe integrare banner pubblicitari, e questa non è di certo un’idea dell’ultimo momento. Ma è un’idea contro la quale i fondatori si sono battuti sin dal lancio avvenuto nel 2009. Ma attenzione, perché  come sempre gli aggiornamenti sconvolgeranno inizialmente gli utenti prima che gli stessi riescano a prenderne la mano. È successo anche lo scorso anno: WhatsApp, con gli aggiornamenti del 2017, consente di cancellare i messaggi inviati che vogliamo correggere. Ma per ogni funzione esiste una contromossa.

E quindi sono fiorite le applicazioni che permettono di leggere ugualmente il messaggio che un nostro contatto ha mandato e poi ha eliminato. Si parla di applicazioni come Notification Log e Notif log notification history. (Continua a leggere dopo la foto)




Una di queste ‘app’ di successo che spesso possono ‘beffare’ il mittente pentito è Notification History: l’app può svelare cosa c’è scritto nei messaggi rimossi su WhatsApp, quelli che ora possono essere cancellati e nascosti a tutti, a patto che vengano revocati entro i 7 minuti dall’invio. L’app organizza le notifiche ricevute sul proprio telefono, per non perdere eventuali messaggi, chiamate e avvisi persi per strada. In poche parole, un vero e proprio registro. (Continua a leggere dopo la foto)




All’interno dell’elenco sono visualizzate anche le conversazioni eliminate prima della lettura, perché hanno comunque prodotto un avviso sullo smartphone, seppur non evidenziato da numerini e badge sull’app di WhatsApp.  Aprendo un box che si riferisce al messaggio cancellato, tra le varie righe tecniche ve ne è una preceduta dal suffisso text, che contiene la frase rimossa prima che la doppia spunta sia diventata blu.  Qui dentro chiunque può leggere il testo anche se di per sé l’applicazione non lo mostra perché annullato.  Ti basterà cercare il messaggio e aprire la stringa con suffisso “.text”, per leggere i primi 100 caratteri del testo. Oltre al numero di caratteri recuperabili del messaggio, in teoria cancellato, il trucchetto ha un altro limite: funziona solo sul sistema operativo Android. (Continua a leggere dopo la foto)


 

Come funziona Notification History? Basterà premere su una porzione di schermo vuoto (dove non ci sono icone, per intendersi) e aggiungere un nuovo widget. Scorrere la lista fino a incontrare la voce Impostazioni e trascinarla sul desktop: qui appare l’elenco delle ‘Impostazioni scorciatoia rapida’, dal quale scegliere l’opzione Log notifiche. Terminata la procedura di aggiunta del widget, sarà sufficiente premere sull’icona che è comparsa sullo schermo per poter consultare la lista delle ultime notifiche cancellate: qui dovrebbe comparire anche quella relativa al messaggio eliminato. Inoltre, è possibile scovare anche ‘intere’ conversazioni cancellate in passato.

Leggi anche:

WhatsApp, finalmente! Due magnifiche novità per gli utenti: “Quello che mancava”. Avete presente quel problema di cui vi lamentate sempre? Risolto!