Google, arriva la rivoluzione che cambierà per sempre le nostre vite. Ecco cosa potremo fare, a breve, con il cellulare. Sembra impossibile…


 

Uno smartphone capace di riconoscere il volto di chi li utilizza, o l’oggetto inquadrato dalla fotocamera. Utopia? No, anche se al momento un simile prodigio della tecnologia non esiste ancora. Arriverà in un futuro non troppo lontano e rivoluzionerà le nostre vite per sempre.

(Continua a leggere dopo la foto)







Come riportato dal Wall Street Journal, infatti, Google sta lavorando con la start up Movidius, specializzata in chip, per integrare la tecnologia di riconoscimento di immagini, volti compresi, direttamente nei telefoni, a livello di “hardware” e non di software. La tecnologia di riconoscimento facciale è sfruttata anche da Facebook, ma un debutto in Italia e in Europa è al momento alquanto difficile, vista la posizione dei Garanti Privacy.

Movidius ha annunciato una collaborazione ad hoc che servirà a portare nei dispositivi mobili futuri di Google il “deep learning”, un sistema di apprendimento delle macchine possibile grazie a tecnologia di intelligenza artificiale che simulano il cervello umano. In questo modo Google consentirà ai dispositivi mobili di svolgere “internamente” il tipo di elaborazione – molto complessa – richiesta dal riconoscimento delle immagini, piuttosto che basandosi su dei data center remoti.

Una tecnologia di riconoscimento delle immagini già sfruttata nell’applicazione Foto, dove è possibile fare una ricerca per parole chiave – come “cibo” o “bambini” – ottenendo le foto raggruppate ad hoc. Tuttavia questa è un’operazione che richiede di aver precedentemente caricato le foto online e necessita di una connessione per permettere al software di analizzare le immagini e restituire risultati.

Integrando la tecnologia nell’hardware, invece, gli smartphone potrebbero identificare oggetti in tempo reale anche senza Internet: un sistema che potrebbe permettere così di autorizzare transazioni economiche a distanza o di aiutare in maniera determinante le persone non vedenti ad affrontare le difficoltà quotidiane.

“Perché piango sempre? Risponde Google”. Tutte le cose che abbiamo chiesto al motore di ricerca

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it