Un normale pezzo di legno? No, quando scoprirete cosa fa al telefonino lo vorrete a tutti i costi


 

Ogni giorno utilizziamo moltissimi dispositivi elettronici per soddisfare le nostre crescenti esigenze. Maggiori applicazioni, maggiori consumi e costante bisogno di ricarica. E ricarica vuol dire fili, connettori, grovigli, disordine, fragili meccanismi e noiose perdite di tempo. ma da oggi ricaricare il tuo smartphone è facilissimo, semplicemente appoggiandolo su una superficie tutta speciale… Ma come è possibile?

(continua dopo la foto)








Grazie alla tecnologia di ricarica senza fili Qi! Le basi della ricarica wireless hanno un passato glorioso, esse infatti sono nate nei laboratori di Guglielmo Marconi, Nikola Tesla, Hans Christian Ørsted e Michael Faraday, i padri fondatori dell'”energia moderna”, gli stessi che hanno permesso lo sviluppo in questo campo negli ultimi 180 anni.

(continua dopo la foto)




Quindi, adesso è possibile ricaricare i propri apparecchi senza fili, semplicemente avvicinando il dispositivo (che deve essere dotato del giusto ricevitore wireless) ad un trasmettitore compatibile. I più moderni smartphone sono già dotati di questo sistema come ad esempio Samsung Galaxy S6, S6 Edge, Nexus 4, 5, 6, 7, Moto 360 Watch, Nokia Lumia 830, 735, 920, 930, 1520, Blackberry Z30, Catphone S50, Asus Padfone S PF500KL, Samsung Galaxy S3, S4, S5, Note 3, Note 4, Alpha con ricevitori PWRcard o SlimPWRcard, iPhone 6, 6 Plus, 5, 5C, 5S con iQi Mobile. Il futuro è arrivato!

Ti potrebbe anche interessare: Ci siamo: ecco l’Amazon Prime Day! Sconti e consegne gratis (ma solo per poche ore). Ecco come funziona


 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it