Proteggi il tuo smartphone dai ficcanaso, 4 modi per non farti spiare mai più


 

Lo smartphone è l’oggetto più ambito dai ladri, ma soprattutto dagli ”amici” curiosi, che spesso, in mancanza del padrone, rovistano tra messaggi, cronologie whatsapp e pagine dei social network per carpire informazioni. Il danno per il malcapitato di turno va al di là della perdita dell’oggetto fisico: fotografie, messaggi, cronologie, applicazioni cloud vengono sbirciate (in caso di ficcanaso) o perse (in caso di furto). Ma cosa possiamo fare per tenere sicuri i nostri dati? Ecco qualche consiglio.

(Continua a leggere dopo la foto)







1. Sembrerà banale, ma per proteggere lo smartphone è necessario attivare il codice pin. In questo caso, se il curioso si trova vicino al vostro telefono in vostra assenza non potrà fare niente.

2. Che il tuo telefono sia un iPhone, un cellulare Android o un Windows Phone ricordati che hai a disposizione degli utilissimi strumenti remote wiping (cancellazione remota) per rintracciare, monitorare ed eliminare i dati da remoto. Trova il mio iPhone è il papà di tutti questi applicativi: un software preinstallato (o scaricabile da App Store) che permette a tutti i possessori di iPhone (ma anche di iPad e iPod) di rintracciare (da PC, Mac o altro dispositivo iOS) dove si trova fisicamente il proprio dispositivo, di farlo squillare e all’occorrenza di bloccarlo o inizializzarlo. Molto simili nel funzionamento sono Android Device Manager e Trova il mio telefono.

3. Salva il codice Imei del telefono. Si tratta di un codice identificativo composto da 15 caratteri riportato nella confezione del telefono. Grazie a questo codice l’utente può chiedere al proprio operatore il blocco del telefono.

4. Imposta il blocco dello schermo sul tuo cellulare. Abilita il blocco in modo tale da proteggere i dati quando lasci il telefono incustodito. Su iOS attiva Touch ID o il blocco con il pin. Su Android, le sequenze o il riconoscimento facciale sono due misure di blocco facili da usare. iOS dispone di un’opzione che cancella i dati dopo un certo numero di tentativi falliti.

Potrebbe anche interessarti:

10 batteri di cui avere paura, ecco perché devi stare attento al tuo smartphone

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it