Posta elettronica, le 9 regole affinché la tua mail abbia “successo” (senza finire in spam)


 

Quando mandiamo un e-mail ci sono degli errori che dobbiamo assolutamente evitare, sopratutto nella compilazione dell’oggetto, la cosa più importante della posta elettronica. 9 Errori che il sito “Business Insider”, in collaborazione con un paio di esperti in materia, ha sintetizzato nei 9 che vi presentiamo. 

(continua dopo la foto)







  1. Oggetto Vuoto. Al primo posto c’è sicuramente l’oggetto lasciato vuoto. “Non mettere alcun oggetto nello spazio preposto è probabilmente il più grande errore che si possa fare”, spiega Amanda Augustine del sito TheLadders sottolineando che tale mancanza aumenta le probabilità che la mail venga cancellata o vada perduta e irrita immediatamente il destinatario, che si trova obbligato ad aprire il messaggio per capire di cosa si tratti.
  2. Non un poema. “Scrivere più di 6-8 parole, senza oltretutto mettere quelle più importanti all’inizio della frase, rischia di farvi perdere l’attenzione del destinatario fin dal primo istante”, avverte Dmitri Leonov di SaneBox .
  3. Dritti al punto. meglio evitare frasi come “hai un minuto?” o che spingano il destinatario ad indovinare l’argomento del messaggio, “ma siate semplici e diretti, ricorrendo a parole-chiave che rendano più facile una successiva ricerca della mail”, consiglia ancora Augustine.
  4. Niente giri di parole. Già lo spazio a disposizione non è tanto, se poi viene sprecato con riempitivi del tipo “ciao”, “lieto di conoscerti” o “grazie”, ne resta ancora meno per scrivere quello che davvero interessa.
  5. No al maiuscolo. Ricordate che è come se urlaste!
  6. Mai iniziare la frase nell’oggetto e poi continuarla nel testo. Già lo spazio a disposizione non è tanto, se poi viene sprecato con riempitivi del tipo “ciao”, “lieto di conoscerti” o “grazie”, ne resta ancora meno per scrivere quello che davvero interessa.
  7. Occhio al copia-incolla. Una gaffe che può essere evitata facilmente rileggendo attentamente il messaggio, compreso lo spazio dell’oggetto, prima di schiacciare il tasto “invio”.
  8. Urgente! Il destinatario non può immaginare di dover rispondere immediatamente o entro un determinato termine al messaggio ricevuto se nessuno glielo indica, quindi la richiesta d’urgenza va chiarita fin nell’oggetto.
  9. Dimenticato il nome? E’ consigliabile indicare già nell’oggetto del messaggio il comune conoscente che vi ha indirizzato al destinatario (a maggior ragione se quest’ultimo non vi conosce).

Ti potrebbe anche interessare: Attenti a questa mail! Così gli hacker minacciano di distruggere il tuo computer…

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it