Paghi in base a quanto ridi durante lo spettacolo, l’idea per tornare nei teatri


Pagare ogni risata 30 centesimi. È questa l’idea per risollevare l’industria dell’arte in Spagna, la quale ha vissuto uno dei picchi più bassi nel 2013. Lo stato ha deciso di aumentare l’IVA per gli show teatrali dal 8% al 21%; perdendo così la più grande fetta di pubblico della storia, ovvero il 30% in un solo anno. La compagnia teatrale Teatreneu ha avuto questa idea chiamata Pay for laugh, la prima commedia teatrale in cui paghi quello che consumi.

(Continua a leggere dopo la foto)








Il meccanismo è semplice: un sensore di espressione facciale è posto sul sedile anteriore, e ogni volta che ridiamo si aggiungono 30 centesimi al saldo finale. Pagando così effettivamente quanto la commedia ci ha fatto ridere. Si suppongono anche altre soluzioni, come il pianto nelle tragedie o i commenti interdetti nell’assurdo. Potrebbe essere inoltre un efficace riscontro sulla qualità dello spettacolo.

Funzionerà? Le persone torneranno in teatro?

 

Leggi anche: Perché nell’ambiente del teatro si dice che il viola “porta sfortuna”?

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it