“Credevamo dormisse”. Vivono con il figlio morto per un intero mese e la scoperta del cadavere viene fatta per puro caso. Il motivo che ha spinto questo padre e questa madre a tanto è assurdo: “Si poteva salvare…”. La scoperta choc che ha sconvolto tutti

 

La perdita di un figlio può essere decisamente devastante. Per alcune persone può essere così terribile da arrivare a negarlo e non accettare che il proprio piccolo se ne sia andato. Nel gennaio del 2016 in una casa di Girona, in Spagna, la polizia ha trovato il corpo senza vita di un bambino di appena sette anni. Il cadavere era stato coperto da un lenzuolo e si trovava in una stanza in cui dormivano anche tutti gli altri componenti della sua famiglia, ovvero i genitori e i due fratelli maggiori del piccolo. L’uomo e la donna adesso sono a processo in Spagna con l’accusa di omicidio colposo aggravato dalla parentela. Il motivo di tutto ciò ha lasciato l’intera nazione senza parole. Infatti, secondo quanto emerso nel corso delle indagini, il figlio di Bruce Hopkins – di professione ingegnere – e della moglie Schrell, rispettivamente di 41 e 40 anni, sarebbe morto in seguito a una grave crisi d’asma che non è stata curata. Apparentemente, infatti, i genitori si affidavano prevalentemente all’omeopatia rifiutando la medicina tradizionale. E di fronte al peggiorare delle condizioni del bambino, non hanno optato per altri metodi. (continua dopo la foto)


La coppia, originaria di Detroit, si era trasferita in Spagna nel 2014 e, quando è stato scoperto il cadavere del figlio, da quasi un anno non pagava l’affitto al padrone di casa. Per questo motivo la polizia è intervenuta nell’appartamento compiendo la drammatica scoperta. Mamma, papà e fratelli avrebbero vissuto per circa un mese insieme al bambino morto. Nel corso del processo la coppia si è difesa dalle accuse sostenendo di aver fornito al figlio le cure necessarie, alternando medicina tradizionale e omeopatica (per questo il loro avvocato ha chiesto l’assoluzione), e di non essersi resi conto del suo decesso fino all’arrivo nella casa degli agenti. Avrebbero insomma sostenuto di pensare che il bambino stesse dormendo. (continua dopo le foto)


Bruce i Schrell Hopkins, els pares del nen de 7 anys trobat mort al pis on vivien, al carrer Joan Roca i Pinet de Girona.
Foto: El Punt Avui

{loadposition intext}
Da quanto emerso, comunque, in un anno e mezzo solo due volte avevano consultato un medico (a quanto pare non credevano nella medicina tradizionale perché la madre si era fatta visitare per curare un’allergia ma era peggiorata) e secondo la ricostruzione del pm, entrambi i genitori hanno imposto il loro approccio religioso, morale ed etico al bambino, mettendone così in pericolo la vita. Anche quando le sue crisi sono peggiorate i genitori non lo hanno portato in ospedale ma si sono “limitati a pregare”. Per tutto questo per loro l’accusa ha chiesto tre anni e tre mesi di carcere.

Ti potrebbe interessare anche: Choc a Brescia, la polizia nota due bambine di pochi mesi chiuse in auto e decide di intervenire. Dietro le urla e le lacrime delle piccole si nasconde una storia terribile